Modena – È online la call lanciata da Scuola Archivio Leonardi per cercare giovani progettisti, studenti e ricercatori interessati a partecipare al corso dedicato agli Alberi, che si terrà a Modena a partire dal 24 marzo.

Il corso è suddiviso in tre settimane: dal 23 al 27 marzo è previsto il modulo introduttivo intitolato “Cesare Leonardi e gli alberi”, a cui seguono una residenza immersiva dal 21 al 24 aprile presso “la città degli alberi” di Bosco Albergati per raccogliere stimoli e sviluppare un proprio progetto individuale e un terzo periodo, dal 26 al 29 maggio, intitolato “Progettare una città degli alberi”, durante il quale gli studenti lavoreranno a stretto contatto con i docenti per sviluppare un progetto collettivo per il Villaggio Artigiano Modena Ovest.

Nata per trasmettere il metodo di lavoro sviluppato dall’architetto Cesare Leonardi (Modena, 1935), figura poliedrica e inedita nel panorama architettonico e artistico contemporaneo, che nel corso di una attività di quasi cinquant’anni si è occupato di architettura, urbanistica, fotografia, design, scultura e pittura, lavorando al confine tra progettazione e pratica artistica, la Scuola è promossa dall’Archivio Architetto Cesare Leonardi, un collettivo di architetti e studiosi tra cui ex collaboratori di Cesare Leonardi, che da oltre dieci anni si dedica alla tutela, catalogazione, e divulgazione delle opere e dei progetti dell’architetto modenese e realizzata in collaborazione con l’associazione Amigdala.

Amigdala e Archivio Leonardi insieme gestiscono anche OvestLab, ex officina meccanica riconvertita in spazio culturale e sede della Scuola. OvestLab dista 100 metri dalla casa-studio di Cesare Leonardi, in cui si trova l’Archivio, nel Villaggio Artigiano Modena Ovest.

La Scuola organizza due corsi stagionali, uno autunnale su design e produzione artigianale (Solidi) e uno primaverile su paesaggio e trasformazione urbana dedicato agli Alberi.

Nel percorso di Leonardi, emblematico è lo studio degli alberi condotto dall’architetto modenese con Franca Stagi, il cui esito progettuale ha portato alla realizzazione di parchi e di un’idea di città basata sull’equilibrio tra uomo e natura.

Nel 1982 Leonardi e Stagi pubblicano il volume L’Architettura degli Alberi, manuale di riferimento per generazioni di studenti e architetti-paesaggisti, esito di vent’anni di studi, viaggi, catalogazione fotografica e infine meticoloso ridisegno degli alberi in scala 1:100. Una ricerca corredata dallo studio delle ombre delle chiome proiettate a terra e dei colori stagionali di ogni singola specie, successivamente applicata in una serie di progetti di parchi, alcuni realizzati e altri rimasti su carta.

La dedizione per gli alberi, insieme all’esperienza progettuale, lo portano nei primi anni Ottanta all’ideazione di una matrice modulare per la piantumazione che chiama Struttura Reticolare Acentrata, applicata nella costruzione del parco di Bosco Albergati (1988-1996). La finalità della SRA è quella di stabilire condizioni di equilibrio e di convivenza tra uomini e alberi, senza prevaricazione degli uni rispetto agli altri.

I partecipanti al corso avranno l’opportunità di conoscere approfonditamente la ricerca de L’Architettura degli Alberi, scoprire i luoghi e i progetti in cui è stata applicata, consultare i materiali di archivio, confrontarsi con docenti e figure di riferimento, infine sviluppare una progettualità autonoma.

Per candidarsi è necessario inviare entro l’8 marzo il modulo di iscrizione allegando curriculum e lettera motivazionale.