Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Le botteghe dei liutai di cremonesi diventano luoghi di incontro e scambio culturale con l’evento “Degustando in Bottega”.

Nei weekend compresi dal 31 novembre 2019 fino al 5 gennaio 2020 le botteghe, che come degli scrigni contengono i segreti di un mestiere antico, saranno le dirette protagoniste, insieme ai prodotti gastronomici locali, di una promozione per l’implementazione del turismo e del commercio, insegnando un nuovo modo di consumare e facendo conoscere tante storie di artigiani e produttori, con una esperienza diretta e carica di tante emozioni.

Degustando in Bottega, permette di accedere ai luoghi dove quotidianamente si rinnova la tradizione che rende Cremona famosa e unica nel mondo, e di assistere a parte del processo di lavorazione di uno strumento ad arco, accompagnato dalle parole sapienti del maestro liutaio.

A conclusione della visita una degustazione di prodotti tipici, come torrone, mostarde,
formaggi e altre ghiottonerie, per gustare col palato oltre che con gli occhi altre eccellenze del territorio cremonese.

Una nuova occasione anche dell’edizione speciale della Welcome Card, la tessera acquistabile presso l’infopoint del Comune di Cremona al costo di 10 euro e offre al turista la visita guidata alla città oltre che una serie di sconti per l’ingresso ai musei, a teatro, nei ristoranti, hotel e per lo shopping nei negozi convenzionati.

La Welcome Card Special Edition, curata in occasione di Degustando in Bottega, si arricchisce di alcune esperienze uniche che si possono vivere solo a Cremona: la visita di una bottega di liuteria, l’audizione di un violino Stradivari presso l’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino, la visita al Teatro A. Ponchielli e il tour presso la produzione di formaggi Fattorie Cremona. L’edizione speciale della Welcome Card è disponibile per tutti i weekend compresi dal 30 novembre 2019 fino al 5 gennaio 2020 allo stesso costo di 10 euro.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *