Tempo di lettura: 1 minuto

L’edizione 2018 dei Golden Globe più che per i premi, i vincitori e per i film, sarà ricordata per la marea nera che ha attraversato il tappeto rosso.

Da Meryl Streep a Laura Dern, da Oprah Winfrey (la signora della tv) a Reese Witherspoon, dalla nostra Alessandra Mastonardi ad Angelina Jolie. Tutte in nero.

Se non fosse stata sufficiente l’arringa femminista di Winfrey – che oggi è sui giornali di tutto il mondo – c’è stata anche la prima uscita ufficiale del movimento Time’s Up sostenuto  tra le altre da Cate Blanchett, Ashley Judd, Natalie Portman e Meryl Streep, Brie Larson, Reese Witherspoon, che prevede un fondo per il sostegno legale a donne e uomini molestati sessualmente sul lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *