Il governo vara la riforma delle banche popolari, avviando la trasformazione in Spa le 10 di maggiori dimensioni.
Il Consiglio dei Ministri, che si è tenuto nel pomeriggio a Roma, ha varato il provvedimento in tandem con le misure a sostegno degli investimenti. Dalla riorganizzazione del settore del credito sono escluse le Banche di credito cooperativo, come ha anticipato in un tweet lo stesso premier Matteo Renzi.