Tempo di lettura: 2 minuti

Resort Dior, Saint Louis, Senegal. July 28, 3am.

Scrivo questa breve in tempo reale dal resort dove siamo alloggiati da due giorni a Saint Louis.

Sono le 3 del mattino locali. Luisa dorme e non voglio svegliarla. Da 24 ore ho un problema che mi assilla. Una forte forma di eczema che da ieri si è manifestato a chiazze rossastre su tutto il corpo.

La cosa si manifesta con piccole bolle cambiando nelle ore posizioni, mani, collo, braccia, schiena, gambe. Ora è forte sotto le piante dei piedi. Ho fatto molte docce con sapone portato da casa, messo pomate emollienti e preso varie pastiglie di idrocortisone ma tutto senza successo.

Ho ridotto a due le possibilità che hanno scatenato il problema: un forte effetto collaterale della profilassi antimalarica che sto assumendo da tre giorni e una possibile intossicazione alimentare dal pesce che ho preso ieri sera in un ristorante locale (siamo sulla foce del grande fiume Senegal).

Ora sono sotto sofferenza nella zona dei piedi, il bruciore è molto forte e le piante di entrambi i piedi fino alla caviglie sono gonfi. Sono all’esterno, la notte è molto buia e davanti a me ho l’oceano. Poco vicino un guardiano fa il suo mestiere. L’aria è calda. Attendo il mattino. Se non vedo cambiamenti repentini tra qualche ora contatto Europe assistence. L’altra possibilità è l’ospedale di Saint Louis.

In giornata comunque dovró forzatamente muovermi per Dakar dove obbligatoriamente devo presentarmi agli uffici della dogana per prolungare il mio passavant prossimo alla scadenza delle 48 ore.

L’ingresso a Dakar non sarà una passeggiata, ma questo era nei conti. Nulla qui è facile, nulla è scontato.
Ora provo a ridistendermi a letto per fare tra poco gli ultimi fatidici 260 km.

Sento che ormai sono ad un passo dal grande traguardo e dovró restare ben sveglio perché, questa volta, non sarà un sogno…

continua

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *