Tempo di lettura: 2 minuti

Trenta domande e altrettante risposte, tante quanto gli articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani. E diverse possibilità di approfondimento per ciascun tema affrontato. È questo il nuovo strumento interattivo pubblicato oggi da Osservatorio Diritti, testata giornalistica dedicata interamente ai diritti umani in Italia e nel mondo.

Il grande gioco dei diritti umani”, come è stato definito, è stato pensato «per conoscere la Dichiarazione universale giocando» e si rivolge a chiunque sia interessato a questi temi. Ma non è organizzato per essere letto e archiviato necessariamente in un solo giorno: i rimandi a tematiche collegate a ciascun articolo del documento Onu sono tanti e possono essere utilizzati anche da scuole e studenti nel corso di diversi mesi.

Il contesto. Questo corposo quiz è pubblicato proprio oggi in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani e in coincidenza con il 70esimo anniversario della Dichiarazione universale, approvata dalle Nazioni Unite, appunto, il 10 dicembre 1948.

Umanità violata. «Percorrendo questo gioco si ha la possibilità di attraversare i diritti umani – e spesso la loro violazione – conoscendo eventi e storie di persone che caratterizzano i nostri giorni», si legge nell’articolo che introduce a questo strumento interattivo. Il gioco, cioè, non ha lo scopo di spiegare la “teoria” dei diritti umani e, in particolare, della Dichiarazione universale intorno a cui è costruito. Al contrario, cerca di «raccontare l’umanità violata» descritta ogni giorno dalle notizie di Osservatorio Diritti.

I temi affrontati. Dopo un’introduzione e il Preambolo del documento Onu, la pagina pubblicata oggi entra nel vivo delle domande, collegando ciascun articolo della Dichiarazione a un evento di attualità, senza porsi alcun limite da un punto di vista geografico. Ed è così che i lettori che avranno la voglia di seguire il percorso proposto fino in fondo potranno uscirne con nozioni approfondite in tema, per esempio, di schiavitù, caporalato, spose bambine, desaparecidos, guerre, censura, etnie perseguitate e tanto altro. Una sorta di giro del mondo alla scoperta dei diritti umani.

Teoria dei diritti umani e il focus Italia. Vista la ricorrenza speciale, inoltre, Osservatorio Diritti pubblica oggi anche altri due articoli per approfondire la tematica. Uno, a firma di Francesca Romana Partipilo, del master in Diritti umani e gestione dei conflitti della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, ricostruisce “La Dichiarazione universale dei diritti umani dal 1948 ai nostri giorni” da un punto di vista storico e giuridico. L’altro, della giornalista Felicia Buonomo, “Diritti umani in Italia: la pagella dell’Università di Padova”, propone l’analisi relativa al nostro Paese contenuta nell’ultimo Annuario italiano dei diritti umani pubblicato dal Centro di ateneo per i diritti umani Antonio Papisca dell’Università di Padova.

L’articolo integrale a firma di Marco Ratti, “Dichiarazione universale dei diritti umani: 30 domande per conoscerla giocando”, può essere letto  su Osservatorio Diritti.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *