La Lombardia mette in campo 22,5 milioni di euro sul nuovo Bando Distretti del Commercio che promuove la ricostruzione economica territoriale urbana nei settori del commercio, artigianato, ristorazione e terziario.

L’invito è rivolto ai Comuni, Comunità Montane e Unioni di Comuni aderenti ad un Distretto del Commercio, che a loro volta emaneranno specifici bandi per coinvolgere PMI e aspiranti imprenditori del territorio attivi nei settori della somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrina su strada o situata al piano terreno degli edifici, nonché logistica, trasporto e consegna a domicilio.

Per le imprese sono ammessi a finanziamento l’avvio di nuove attività, il subentro o il rilancio di attività esistenti. Rientrano fra gli interventi ammessi anche l’adeguamento agli standard di sicurezza sanitaria, le attività di vendita online e di trasporto e consegna a domicilio e integrazione con infrastrutture e servizi comuni del Distretto.

Gli enti pubblici possono invece candidare opere di rigenerazione, riqualificazione e adeguamento dell’area e del contesto del Distretto del Commercio, la predisposizione e gestione di servizi comuni per le imprese e l’utenza, nonché la previsione di incentivi.

La Regione concederà contributi a fondo perduto fino a un massimo di 100 mila euro per le imprese e fino a 50 mila euro per il Comune.

Il capofila potrà presentare una prima Domanda per poter accedere alla premialità di contributo a partire dal 5 giugno 2020. Successivamente si potrà presentare il progetto complessivo, a partire dal 1 luglio 2020 e fino al 30 settembre. La valutazione delle proposte avverrà con procedura a graduatoria.