Tempo di lettura: 2 minuti

Gattatico, Reggio Emilia. Sabato 25 e domenica 26 settembre sono le GEP – Giornate Europee del Patrimonio 2021 (European Heritage Days), la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa. Il tema di quest’anno è Patrimonio culturale: TUTTI inclusi!.

Anche l’Istituto Alcide Cervi partecipa all’iniziativa europea aprendo la Casa e gli spazi visitabili del Museo non soggetti a riallestimento con una visita guidata gratuita, che si terrà alle ore 11 di domenica 26 settembre.

Sempre domenica 26 alle ore 15.00, nella Sala Maria Cervi, verrà proiettato lo storico film I Sette Fratelli Cervi, diretto nel 1968 da Gianni Puccini, con Gian Maria Volonté, Don Backy, Riccardo Cucciolla e Carla Gravina.

Durante tutta la giornata, e negli orari di apertura del Museo, sarà visitabile la mostra Storia della Famiglia Cervi: nuove visioni d’arte, con opere artiste dedicate alla vicenda della Famiglia Cervi, esposizione che comprende tre inediti.

Il Museo Cervi si trova nella bassa pianura reggiana, fra i Comuni di Gattatico e Campegine, ed è ambientato nella casa colonica dove la famiglia Cervi arriva nel 1934. Contadini mezzadri, i Cervi compiono all’inizio degli anni ’30 scelte che si riveleranno fondamentali sia in ambito produttivo sia nel consolidamento di un deciso orientamento antifascista.

Fucilati insieme a Quarto Camurri per rappresaglia nel dicembre del 1943, la vicenda dei sette figli maschi di Genoeffa e Alcide assume da subito un forte valore simbolico, mentre la loro casa – durante il secondo conflitto mondiale punto di riferimento e di concreto aiuto per antifascisti, renitenti alla leva, e per chi si opponeva alla guerra – diventa la meta privilegiata di tutti coloro che si riconoscono nei valori dell’antifascismo e della democrazia.

Casa Cervi diventa “Museo per la storia dei movimenti contadini, dell’antifascismo e della Resistenza nelle campagne” dopo uno spontaneo processo di trasformazione che si è concluso con il riallestimento del 2002.

Il Museo Cervi permette oggi di riscoprire la storia di questa famiglia, attraverso percorsi di visita nuovi e in costante aggiornamento, sia all’interno delle stanze del Museo, che sul territorio.

La visita e la proiezione del film nella giornata di domenica 26 settembre sono ad accesso libero fino a esaurimento posti (è necessario essere muniti di Green Pass).

La prenotazione è obbligatoria: Tel: 0522 678356 Mail: [email protected]