Tempo di lettura: 3 minuti

Sonico, Valcamonica, Brescia. Si preparano due appuntamenti con la storia in Valle Camonica nel prossimo fine settimana che allungherà il ponte sul 2 giugno festa della Repubblica: la presentazione del volume “La terza età della Resistenza e l’inaugurazione di un luogo della memoria – la polveriera di Sonico”. La “nostra Repubblica” è stata fondata dopo il martirio della guerra e sulle vite dei partigiani che lassù, in valle, hanno difeso strenuamente i valori della libertà.polveriera

Il primo appuntamento è fissato per sabato 30 maggio alle ore 16 presso la sala Ida Mottinelli al municipio di Sonico. Tullio Clementi e Gigi Mastaglia presenteranno il volume “La terza età della resistenza”.
– Parafrasando il titolo, “la terza età della Resistenza” – raccontano gli autori nella prefazione – dopo una prima “età” vissuta con molta esuberanza giovanile ed una seconda “età” attraversata da riflessioni, nostalgie e ripensamenti, potremmo dire che questa rilettura degli eventi resistenziali si sviluppa in una sorta di “terza” dimensione. Dopo la dimensione narrativa, quella diaristica e quella storica che si alimenta in buona parte anche delle prime due , infatti, questo racconto assume un carattere prevalentemente antologico, a cavallo di quanto fin qui già pubblicato.fiamme 1

Molto più “terra-terra”, dunque, cercheremo di concretizzare una sorta di antologia ragionata su quanto è stato scritto e raccontato finora sull’argomento, partendo da quelli che possiamo considerare a ragion veduta come i “libri mastri” della Resistenza valligiana (e non solo) ed assemblando quindi una “cronologia” degli eventi che hanno sconvolto il quieto vivere delle nostre contrade per 20 lunghi mesi: dai borghi di fondovalle e di mezza costa fino alle creste di confine con altre valli alpine ed altre province. –

Nuove pagine, quindi, si aggiungono per raccontare i fatti, il contesto, i luoghi, le azioni, ma anche le persone che vi hanno preso parte e che oggi, in ultimo grido, sono ancora qui a testimoniare l’epopea partigiana che ci ha donato la libertà. Un antologia frutto di un grande impegno di indagine, rilettura e documentazione, compiuta da due autori.fiamme 2

Secondo appuntamento il 2 giugno dalle 9,15 a Sonico alla sala Ida Mottinelli del Comune, per poi trasferirsi alla polveriera.  Le Fiamme Verdi invitano all’inaugurazione del “Luogo del ricordo – la polveriera”. Luogo carico di storia è stato recentemente restaurato per volontà delle Fiamme Verdi, ora in attesa di allestimento destinato a divenire un luogo simbolo per la memoria per le future generazioni. Un’opera di divulgazione della storia indirizzata soprattutto alle scuole, entrerà nel “Paesaggi della Memoria” del museo dei Fratelli Cerci e parte importante dell’Eco-Museo della Resistenza del Mortirolo.paesaggi memoria

– Lo scopo dell’iniziativa che nasce con la preziosa collaborazione dell’Ecomuseo della Resistenza  del quale fanno parte sia il Comune di Sonico che l’Associazione Fiamme Verdi – ha dichierata Ezio Gulberrti responsabile delle Fiamme Verdi della valle – è legato alla necessità di fare memoria e di esportare oltre i confini della nostra zona fatti e accadimenti di allora perché diventino patrimonio comune. Questo luogo dovrà diventare un simbolo per chi passerà. Un simbolo che stimoli una riflessione su quanto accaduto settant’anni fa e su quanto hanno sofferto le nostre genti. Il nostro impegno per trasmettere informazioni e notizie deve passare innanzitutto dalla scuole. Il nostro bagaglio di dolore e di conoscenza dovrà essere trasmesso alle generazioni più giovani perché non dimentichino, perché riflettano su quanto accaduto e nel contempo fare riferimento a quanto sta avvenendo oggi nel mondo.-

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *