Tempo di lettura: 2 minuti

Gattatico, Reggio Emilia. Ricorre quest’anno il 72° anniversario del sacrificio dei Sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri fucilati per mano dei fascisti all’alba del 28 dicembre 1943. Un importante anniversario che verrà celebrato con due giornate, il 27 dicembre a Guastalla e Campegine e il 28 dicembre a Reggio Emilia e a Casa Cervi, per rendere omaggio ai 7 fratelli e Quarto Camurri e per riflettere sulla memoria pubblica della Resistenza e sulla nostra identità nazionale. Le celebrazioni si apriranno dunque il 27 dicembre a Guastalla, con l’omaggio alla tomba di Quarto Camurri alle ore 10,30, e proseguiranno alle ore 18 a Campegine, con la fiaccolata commemorativa che partirà dalla sede del Comune di Campegine verso la Tomba Monumentale della Famiglia al Cimitero di Campegine.Cervi

Era l’alba del 28 dicembre del 1943, al poligono di tiro di Reggio Emilia i sette figli di Alcide Cervi vengono trucidati con efferata violenza. I corpi dei sette fratelli Cervi e di Quarto Camurri vengono occultati, sepolti per seppellire la loro visione di libertà e giustizia, riscatto contadino alle ingiustizie nei primi aliti di resistenza. Diverranno il simbolo della Resistenza e della memoria.

Il 28 dicembre, il giorno del 72° anniversario dell’eccidio, alle ore 9,45 presso il Poligono di Tiro di Reggio Emilia, luogo della fucilazione, ci sarà l’omaggio delle autorità e dei cittadini, con la Deposizione della Corona davanti al Poligono e con i saluti della Sen. Albertina Soliani, Presidente dell’Istituto Alcide Cervi, e gli interventi delle autorità.

La presenza a questo appuntamento, ormai diventato tradizione, delle autorità reggiane e delle più importanti istituzioni nazionali, quali la Vicepresidente del Senato della Repubblica Sen. Valeria Fedeli, rende questa ricorrenza, non solo un momento di riflessione e celebrazione dei fatti legati alla Resistenza, ma anche un’occasione per riportare all’attualità e dare una cassa di risonanza ai valori fondanti della nostra Repubblica e della democrazia nel nostro Paese.alcide cervi

Rivolta al presente la lettura, prevista al Poligono di Tiro, della “Lettera dal 1943 al futuro” di Sorana Matei della classe 3^ P Liceo economico sociale “Matilde di Canossa”, uno degli elaborati prodotti durante “Radici nel futuro 2014-15”, percorso di studio e ricerca sui temi dell’antifascismo e dell’antimafia che l’Istituto Cervi promuove da anni insieme all’associazione Libera Contro Le Mafie.

A seguire si formerà un corteo per la deposizione di un omaggio davanti al muro della fucilazione. La mattinata proseguirà poi dalle ore 11,15 al Museo Cervi di Gattatico, dove interverranno la Presidente dell’Istituto Alcide Cervi, Albertina Soliani, Giammaria Manghi, Presidente della Provincia di Reggio Emilia e la Sen. Valeria Fedeli, Vicepresidente del Senato della Repubblica. È previsto un bus navetta con partenza dal Poligono alle ore 10,30 per il Museo Cervi. Il rientro al Poligono è previsto alle ore 12,45.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *