Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona – Domenica 30 aprile alle ore 17.30, nella splendida location della Chiesa di Santa Maria Maddalena in Cremona, si terrà l’imperdibile concerto di musica classica “Due, tre quattro e … cinque“, eseguito dagli allievi del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Milano guidati dal maestro Giovanni Battista Columbro, titolare di cattedra presso l’Alta Formazione Musicale. La chiesa sarà aperta per l’occasione alle visite guidate con i volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale.

Il concerto prevede l’esecuzione delle più belle pagine della letteratura barocca e classica per ensemble di flauti traversi.

Il programma del concerto.

  • G. F. Haendel (1685-1759) – “Sonata a due flauti in Mi minore“,
    (Biblioteque Nationale de France)
    Larghetto, Allegro, Andante, Allegro;
  • J. J. Quantz (1697-1773) – “Sonata in Trio in Re maggiore“,
    Vivace, Largo, Moderato, Vivace;
  • G. Rabboni (1800-1856) – Allegro Finale dal “Gran Trio Concertante in Sol maggiore“;
  • G. P. Telemann (1681-1767) – “Quartetto in Sol maggiore“,
    (trascrizione dal concerto per 4 violini)
    Largo e Staccato, Grave, Allegro;
  • J. B. de Boismortier (1689-1756) – “Quintetto in Mi minore Op. XV” (1727),
    Adagio, Allegro, Allegro.
    Quintetto in Sol Maggiore Op. XV” (1727),
    Adagio, Allegro, Allegro.

Gli allievi interpreteranno con i loro strumenti (esatte copie di strumenti originali del Settecento) brani dotati di grande fascino dal notevole afflato melodico. L’imitazione e il piacevole dialogo tra i vari esecutori mostrerà agli astanti non solo le capacità tecniche dei singoli, ma altresì una visione di insieme aderente agli stilemi del far musica nell’ epoca dei Lumi.

Il Traversiere, rigorosamente in legno e realizzato artigianalmente ancora oggi, consente sfumature e fraseggi a cui forse non si è abituati, ma la sua eleganza sonora ed esecutiva affascinaancor più quando si apprende che fu studiato da molti nobili del XVIII secolo; da principi e da re. Federico II il Grande di Prussia, primo fra tutti, è riportato dalle cronache del tempo come un eccellente flautista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *