Tempo di lettura: 2 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Come promesso, nella serata di sabato 12, Santa Lucia è arrivata anche a Pescarolo e Pieve Terzagni. Anche questa volta il volontariato ha fatto in modo che tutto andasse per il meglio. Un ringraziamento va certamente al signor Favalli che con il suo mezzo ha consentito di superare il primo inghippo causato dall’impossibilità dell’asino di arrivare a Pieve Terzagni. Portato il carretto a Pieve sono stati poi i volontari a trainarlo per il paese.

Santa Lucia, accompagnata da Paolo, con la sua campanella avvisava del suo arrivo, dalla piazza è poi andata in via Dante, in via Cerioli e percorrendo via Risorgimento è tornata al punto di partenza. Le poche persone al seguito, ma particolarmente Santa Lucia, hanno accolto con grande piacere i bambini che si sono presentati, con il loro bellissimo sorriso, a ritirare le caramelle.

Il rientro a Pescarolo era fissato dove l’asinella Stella si era resa disponibile a rispettare la tradizione. Un grazie particolare va ad Alessandro ed Irene dell’Apiflor che hanno preso in consegna l’asinello da Santa Lucia, consentendo cosi’ il rispetto della tradizione e iniziando il suo percorso per andare a trovare i tanti bambini che l’aspettavano, molti hanno portato anche il mazzolino di fieno per Stella e l’hanno anche accarezzata.

Il tragitto si snodava da via Matteotti, vicolo 4 Novembre, rientro in via Matteotti, via Carducci, via Mazzini, via Masseroni, via Battisti, via Zanetti, percorso con le opportune precauzioni, in merito un ringraziamento va a Pavel che faceva il battistrada con la macchina dotata di lampeggiante. A seguire un breve tratto della sp 33 e percorrendo poi un tratto di strada vicinale, si rientrava in paese e precisamente da via Bissolati continuando il giro: via Mazzini, via della Macina, via della Rocca e ripercorrendo un tratto di via mazzini, entravano in via Roma destinazione piazza Garibaldi, via Ruggeri, poi tornavano in via matteotti, per l’ultimo appuntamento oltre la sp3 per Grontardo, per concludere poi la serata presso casa Caifa.

Santa Lucia salutava tutti per andare verso un’altra destinazione, mentre ai volontari non restava che andare a finire la serata in poltrona, abbastanza stanchi, considerando che Stella, per tutta la sera aveva tenuto una bella andatura, facendo ricordare qualche suo coetaneo che negli anni scorsi, faceva fatica ad arrivare alla fine del percorso.

Un doveroso ringraziamento va ai volontari e a tutti coloro che in vari modi, genitori e bambini compresi, hanno consentito il rinnovarsi della bella tradizione.