Tempo di lettura: 2 minuti

La solita Asunción deserta, i soliti 40 gradi sfiorati.

È il 16 dicembre 2012, quasi la fine del mondo, e in Paraguay nasce una nuova istituzione.

Ci riuniamo, come sempre oramai, nella sede della cooperativa Medalla Milagrosa, una delle più grandi del paese, che ci presta un suo locale e i preziosissimi ventilatori per rendere confortevole un momento solenne.

Si presentano all’appello otto della ventina di cooperative che più di due anni fa si erano lasciate solleticare dall’originale idea di creare una propria Central. Tra le nostre conoscenti c’è la cooperativa Próceres de mayo, il cui Presidente, Dionicio Cardozo, è uno degli artefici del progetto, Coopejuips, la cooperativa dei pensionati, la Santo Domingo Limitada, quella che ci ricevette all’ombra di un mango, infine la cooperativa Natividad del Señor. Ad esse si aggiungono la Club Centenario, Agua Viva, Madrigal e Coopdesur. Tutte queste cooperative e quelle a cui è aperta la partecipazione alla neo-costituita Central sono classificate di tipo B, C o D dall’Incoop, l’Istituto Nazionale del Cooperativismo che si occupa della loro supervisione nel paese sudamericano. Ciò significa che sono le istituzioni che nel loro settore hanno un volume minore di attivi.

cempecoopLa Central costituita è un’entità di secondo livello che ha indipendenza giuridica ed economica e si pone l’obiettivo di fornire servizi di vario tipo alle socie, in primis quello del loro finanziamento. Succede infatti in Paraguay che le cooperative di piccole e medie dimensioni come quelle in oggetto trovino molto difficile finanziarsi presso altre istituzioni finanziarie. A loro non resta altra scelta, quindi, che mettere in comunione la liquidità di ognuna perché venga usata a beneficio di chi se ne trova a corto. Il modello è quello della più nostrana Cgm Finance.

Le elezioni del CdA e del collegio sindacale sono concluse e i giochi sono fatti. Restano proprio solo pochi minuti per la firma di un accordo con Cassa Padana, che si impegna a sostenere parte dei costi amministrativi dell’istituzione e a fornire assistenza tecnica. Arrivano poi i ringraziamenti, soprattutto a Dio, presente nel luogo in quel momento. Poi l’assemblea si scioglie e si passa alle empanadas e alla sopa paraguaya, preludio dell’immancabile asado.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *