Tempo di lettura: 3 minuti

Palazzolo S/O (Brescia) – La quinta edizione di “Resta in Festa” è iniziata. Un parco in riva al fiume, il Parco Metelli, è la suggestiva location che farà da cornici ai numerosi artisti che si alterneranno sul palco fino al 15 luglio. La musica che spazierà fra rock, hip-hop e reggae, sarà la protagonista indiscussa, insieme all’ottima cucina e le buonissime birre artigianali.

Giovedì 12 luglio il festival, organizzato dall’Associazione Linea Catartica, ha preso il via con i Calibro 35 una delle band che più ha rivoluzionato il mondo delle colonne sonore e che quest’anno festeggia i 10 anni di attività portando sul palco i pezzi di “Decade” il loro ultimo disco. Prima di loro gli olandesi DeWolf che, per il loro tour europeo, fanno tappa anche in Italia.

Venerdì 13 luglio l’hip-hop old school sarà protagonista della seconda serata con due nomi che sono fra i più importanti della scena: Colle der Fomento e Bassi Maestro.
I Colle der Fomento sono una formazione ormai storica dell’Hip-Hop italiano, nati a Roma, esordiscono con il primo singolo “Sopra il colle” che li porta a diventare protagonisti della scena live a supporto dei Sangue Misto, Frankie Hi Nrg, Otr e Articolo 31 e molti altri. Da lì in poi hanno raccolto moltissimi consensi diventando una delle band fondamentali per i cultori del genere.

Bassi Maestro è un guru dell’ hip hop più tradizionale ma che sta sempre al passo coi tempi mai snaturando la sua vera essenza, il suo nome compare in moltissime produzioni, le sue collaborazioni spaziano da Fabri Fibra a Baby K, Ensi e la lista è ancora lunga. E’ un artista unico nel suo genere che produce le basi su cui rappa.

Max Romeo, al secolo Maxwell Livingston Smith, sarà sul palco il sabato 14 luglio. Il cantante giamaicano nato a Nine Mile, paese che ha visto nascere diverse leggende del reggae, uno su tutti Bob Marley, vanta la bellezza di oltre trenta album pubblicati ed una serie di hit da fare invidia. Sulla scena da cinquant’anni, non ha mai perso la voglia di portare la sua musica in giro per il mondo.

Prima di lui Ashraff 30, artista di origini senegalesi da tempo residente a Parabiago e conosciuto in tutta l’area per essere stato il frontman e l’autore dei Kayamama, band reggae che ha suonato per anni in numerosi locali di Milano e dell’area a nord del capoluogo con all’attivo anche un album in studio. Ashraff 30 è il nuovo nome d’arte di Abu Loum ed è il nome del suo nuovo progetto musicale solista che però vanta già collaborazioni di spessore come quella con Piero Dread, ex-voce dei Franziska.

A chiudere in grande stile il festival domenica 15 luglio sul palco ci sarò uno degli artisti rap rivelazione degli ultimi anni: Willie Peyote, al secolo Guglielmo Bruno, un artista senza filtri, schietto, e divertente. L’ultimo disco “Sindrome di Toret” affronta tematiche importanti e musicalmente molto ricercato, senza troppi compromessi.

Prima di lui sul palco Stokka & Madbuddy duo hip-hop da Palermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *