Siamo fortunati: venerdì 20 marzo, giorno dell’attesissima eclissi solare, le condizioni meteo sono state buone in tutt’Italia.

Da nord a sud il sole… fino al momento in cui è stato parzialmente oscurato dalla luna. Sembra una tregua concessa proprio per consentirci di osservare l’eclissi nel giorno dell’equinozio di primavera.

Nessuno ha  snobbato questa eclissi di primavera. L’ultima in questo periodo è stata nel 1662 e la prossima arriverà del 2034.

L’Unione Astrofili Italiani ha organizzato eventi in numerose città italiane. E grazie a Virtual Telescope è stato invece possibile seguire in diretta online l’eclissi.

L’eclissi inizierà sull’Italia tra le 9:15 (in Sardegna e nelle zone occidentali) e le 9:30 (nel Salento, a Trieste e nelle zone più orientali) e si concluderà tra le 11:30 (in Sardegna) e le 11:50 (a Trieste e al nord/est).

Il momento “clou” sarà attorno alle 10:30, quando l’oscuramento del disco solare da parte della luna sarà al massimo: alle 10:22 a Cagliari (oscuramento del 52%), alle 10:26 a Palermo (oscuramento del 44%), alle 10:29 a Torino (oscuramento del 66%), alle 10:30 a Genova (oscuramento del 63%), alle 10:31 a Roma (oscuramento del 54%), alle 10:32 a Milano (oscuramento del 65%) e Napoli (oscuramento del 50%), alle 10:33 a Bologna (oscuramento del 61%), alle 10:34 a Verona (oscuramento del 63%), alle 10:36 a Bari (oscuramento del 47%) e Venezia (oscuramento del 61%), alle 10:38 a Trieste (oscuramento del 60%).

eclissitabellaorari-2