E’ attesa per fine anno la pubblicazione del bando nazionale dedicato all’Economia Circolare che stanzia ben 140 milioni di euro su tutto il territorio. L’obiettivo è sostenere la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito della green economy e della riconversione produttiva con taglio da 500 mila a 2 milioni di euro.

L’invito è rivolto alle imprese, piccole e grandi, operanti in via prevalente nel settore manifatturiero ovvero in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere, e ai centri di ricerca. Sarà possibile presentare domanda singolarmente o in partenariato.

I progetti devono essere finalizzati alla riconversione produttiva delle attività economiche attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali Key Enabling Technologies (KETs)

L’agevolazione è composta da un finanziamento agevolato pari al 50% delle spese e da una quota di contributo diretto alla spesa, fino al 20% delle spese (con ipotesi di differenti percentuali per grandi imprese e pmi).

L’orientamento del Ministero dello Sviluppo Economico è quello di prediligere le attività di sviluppo rispetto a quelle di ricerca.

L’apertura dello sportello per la presentazione delle domande è prevista per i primi mesi del 2020.