Tempo di lettura: 2 minuti

Gattatico, Reggio Emilia. Casa Cervi accoglie, si reca nelle scuole, tiene accesa la luce sui valori umani fondamentali: la libertà, la giustizia, la solidarietà, la pace, la conoscenza, la cura della terra.

Il Museo Cervi: situato nella bassa pianura reggiana, fra i Comuni di Gattatico e Campegine, il museo è ambientato nella casa colonica in cui la famiglia Cervi visse a partire dal 1934 e raccoglie gli oggetti e i documenti conservati fin dal primo dopoguerra. La struttura e il percorso museale si presentano come un viaggio nella storia della famiglia Cervi, del Novecento, del lavoro nelle campagne, dell’Anti-fascismo e della Resistenza. La struttura del Museo Cervi ospita anche la Biblioteca per Ragazzi Il MappaMondo, una sala conferenze e uno spazio espositivo.

Sempre nell’area dell’Istituto Alcide Cervi, la Biblioteca Archivio Emilio Sereni propone attivitàe percorsi formativi, dedicati sia ai docenti sia ai ragazzi della scuola primaria e secondaria, per conoscere e approfondire il paesaggio, come valore fondamentale ma anche come fattore di identità e di ricostruzione di un nuovo legame tra individuo e territorio, tra città e campagna, tra società e ambiente.

Casa Cervi è innanzitutto spazio di accoglienza dove le giovani generazioni possono conoscere una storia e vivere un luogo in cui imparare ad essere “cittadini del mondo di domani”, e dove gli insegnanti possono trovare punti di riferimento per sviluppare percorsi di formazione sulla storia del Novecento e sulla valorizzazione del paesaggio.

Oggi Casa Cervi esce per incontrare la scuola che cambia e abbracciare le sfide del tempo presente, con una proposta educativa rivista e ampliata sulla base delle richieste e delle nuove esigenze dei docenti e degli studenti. Mantenendo sempre immutato il suo spirito di servizio e di collaborazione, alle porte di un nuovo decennio del XXI secolo, per continuare a riannodare i fili della Storia dietro di noi con quelli della nostra storia davanti a noi.

Per scoprire le nuove proposte didattiche: clicca QUI.