Sono ben 1.852 i progetti in corsa sulla 1ª call del Programma Eic Accellerator: 1.350 domande di contributo e 500 domande per finanziamenti misti in equity, per un ammontare complessivo richiesto di oltre 5,2 miliardi di euro. I Paesi più attivi si confermano Spagna e Italia (come per il vecchio Sme Instrument), seguiti da Israele, Germania e Francia.

Eic Accelerator è il nuovo programma europeo a sostegno delle pmi e delle startup più
innovative, finalizzato a sostenere lo sviluppo e la commercializzazione di nuovi prodotti,
servizi e modelli di business ad alto rischio e ad alto potenziale, in grado di creare nuovi
mercati o di cambiare profondamente quelli esistenti.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto compreso fra 500 mila e 2,5 milioni di euro, nel limite del 70% delle spese ammissibili. Per progetti più vicini al mercato è inoltre possibile accedere ad un cofinanziamento in equity fino a un massimo di 15 milioni di euro tramite l’EIC Fund.

Sono 4 le scadenze fissate per il 2020: 8 gennaio 2020, 18 marzo 2020, 19 maggio 2020 e 7 ottobre 2020.