Corvione, Gambara, Brescia. È persa nella magnifica campagna della Bassa Bresciana la piccola frazione del Corvione, ma l’eco del concorso letterario, giunto quest’anno alla 26ª edizione, rimbalza ben oltre le terre basse della pianura. Il concorso letterario detto “Il Corvione”, dedicato a Rosa Goldoni Vagni, con il sostegno di Cassa Padana, ha subito il contraccolpo del covid19 e la premiazione dei vincitori è slittata a ottobre.

Il concorso si articolava in 4 categorie: opere in prosa e poesia in italiano o in dialetto a tema libero, in cui ogni concorrente poteva partecipare con un massimo complessivo di 2 opere. È proprio nell’ultima categoria citata, poesia in dialetto, che il primo premio è andato a Giuseppina Morbini, maestra elementare da libro Cuore e storica collaboratrice di Popolis.

La poesia dialettale presentata e premiata si intitola: “El caàli de fil de fér” (Il cavallino di fil di ferro). Una storia commuoente, un ricordo paterno della fanciullezza di Giuseppina che ci catapulta emotivamente al suo cascinale dell’infanzia, un’atmosfera da Albero degli Zoccoli.Il babbo che racconta semplici storie ai figli dinnanzi al fuoco che, al tempo del nonno, riempivano le sere nelle stalle fra l’alito delle vacche, gli occhi sgranati e le bocche aperte dei figli dei braccianti che ascoltavano il cantastorie  fra le braccia delle madri che filavano il lino nelle sere d’inverno. E poi alla fine il cavallino di fil di ferro, il babbo, lo costruiva davvero per i suoi figlioli, mentre fuori tra il freddo e la nebbia dell’inverno, si nascondevano i segreti di Santa Lucia.

Ecco il testo integrale, forse facile per coloro che masticano il dialetto bresciano della Bassa, un po’ più impegnativo per altri, ma comprenderlo con più impegno lascia alla fine una sensazione di dolccezza, come il primo premio, ben meritato, da Giuseppina Morbini.

“El   caàli de fil de fér”

Quànt l’iro inverno, me pàder al sa ambiao a chonta le stòrie visì al camì.
Noter quàter fradèi serem le so l’otomàno e scoltàem con le orèce tirade.
 L’ambià semper isè:
” S-cètc fi sito che sentom l’èrba che cres”.

E noter faem sito, intenti a seter che le avventure che lu al ghero empàrat de picini èn déle stàle, contade dai vèci o da qualche cantàstorie, che el vulìo an càmbe  apeno un piàt de minèstro caldo.

Foro fao frèt e la calabròza la ricamào i vedrè, la filàdo de mùr e la nus dela casìna.
Me màder la laào i piac nel secér e la scoltào la us de me pader e la ga disio ”Fàgo mio pòra per negòt ! ”.

Lu al na ancantào con Tridicì, El porsel Sangiardo, El diaol dei tre cadinù, La gambo dòro.
Ne  l’èro i ca i baiào e i ga curio dre a qualche gat selvàdech.
Ero semper le stèse storie, ma noter le scoltaem come al fos la primo òlto.
Quant che al ghero òio, me buba al ciapào un fil de fèr e al na fao eder a fa un caàli, un zogati de quant l’ero pisinì.

Al ga fao un mus con dò orece a pònta, una pànsa magra e ensìma lo schéna una sèlo,  una specie de stungiù, dopo la cuo e le quater gàmbe. Con un fil de fér apeno.
Al fao apo so mader, la caàlo Iole.

E galerem dé bù Iole ne la rimésa. Con le gambe gaiàrde e una créna biondo. Ogni tat la fao un poleder. L’ero amò tot bagnat quant al tentao de andrisas e camina.

Quant ghe nasit i nòster fioi, al nono al sa diirtio a fa i caàli de fil de fer e  lur ia portào a schola per fago eder a  le maestre e ai so compagn.

Chèl caali al me restat én dél  cor ensémo al ricordo de me pader. (Giuseppina Morbini)

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome