Brescia. Carta, penna e calamaio per i poeti dialettali o aspiranti tali, l’associazione Palcogiovani ha indetto un concorso di poesia dialettale dal titolo: “El piò en Vèrs” (l’aratro o un appezzamento di terra in versi, traduzione per i non bresciani), in collaborazione con la Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Brescia.

Il premio, a cadenza biennale, si colloca come continuazione storica dei due precedenti cicli triennali del concorso, che hanno avuto come tema il vino (El vì enVèrs – edizioni 2001 / 2003 / 2005) e il pane (El pa enVèrs – edizioni 2008 / 2010 / 2012), mantenendo nella denominazione la dicitura “…enVèrs”. Questo per fornire al premio una connotazione caratteristica propria, che nelle precedenti edizioni si era comunque guadagnato grazie ad una giuria di prestigio.

Le edizioni precedenti hanno avuto quali partner nell’organizzazione l’ente Vini Bresciani e il sindacato Panificatori della Provincia di Brescia, mentre per questo nuovo ciclo sarà la Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Brescia ad affiancare l’Ass.ne Palcogiovani, proprio per connotare al meglio il tema proposto e dare visibilità ai prodotti tipici del nostro territorio.

Per le edizioni 2014 / 2016 / 2018 l’Associazione ha quindi proposto come nuovo tema quello legato al mondo dell’agricoltura, dei campi, patrimonio prezioso della nostra provincia, individuando nella denominazione “El piò enVèrs” il richiamo alla terra (piò come unità di superficie) e al lavoro (piò inteso come aratro).

La partecipazione al concorso è gratuita. I poeti potranno concorrere inviando fino a due composizioni, con lunghezza contenuta in 30 versi, dattiloscritte e stampate in 7 copie. Premio “El piò enVèrs” c/o Cristian Delai via Gioberti 18 25128 Brescia entro le ore 12,00 del giorno 15 febbraio 2015. Il bando potrà essere richiesto tramite e-mail all’indirizzo info@palcogiovani.it  Le composizioni dovranno pervenire, esclusivamente a mezzo posta prioritaria, si chiede cortesemente di non inviare mediante posta raccomandata.

Le composizioni non dovranno essere state precedentemente presentate nelle scorse due edizioni di questo concorso; non dovranno inoltre essere edite né precedentemente pubblicate o già premiate, segnalate in precedenti o concomitanti concorsi. Le poesie dovranno infine essere anonime, non firmate, né potranno riportare motti, disegni od altro che possa renderle riconoscibili. Dovranno essere scritte, su carta bianca formato A4 e battute con un carattere tipografico di uso comune; in calce o sul retro dovrà essere riportata la traduzione letterale in lingua.

La proclamazione e la premiazione dei vincitori avverrà il giorno domenica 12 aprile 2015 alle ore 15,30 presso il cinema-teatro dell’oratorio di Cristo re, via F. Filzi n° 3, in Brescia.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.