Emilia Romagna Festival nell’edizione che coincide con il suo diciottesimo compleanno, propone un cartellone speciale costellato di eventi unici di rilievo, entrando a pieno titolo nella tradizione delle rassegne musicali che costituiscono il patrimonio culturale della regione.

Dall’8 luglio all’8 settembre, in programma 36 appuntamenti in oltre 30 sedi concertistiche, distribuite tra le province di Bologna, Forlì – Cesena,Ravenna e Ferrara, tra i luoghi più preziosi della tradizione architettonica e paesaggistica dell’Emilia Romagna.

La musica trascinerà il pubblico in un percorso tematico, partendo dalla giornata inaugurale che vede il Chinese Dance Theatre Lanzhou, una delle compagnie di danza più importanti in Cina, portare per la prima volta in Italia il suo lavoro migliore: I Racconti della Via della Seta.

Si proseguirà con grandi e grandissimi nomi, come il leggendario musicista brasiliano Egberto Gismonti, o il violinista Stefan Milenkovich, passando per il concerto di Richard Galliano scritto proprio per il festival, un progetto internazionale che parte da lontano e giungerà lontano, fino ad arrivare al pianista Miguel Proença, al maestro dell’elettronica Martux_m, ai Virtuosi Italiani, ai giovani talenti delMilton String Quartet. Inoltre il festival potrà beneficiare quest’anno della presenza costante di due eccellenze italiane della musica: la Filarmonica Arturo Toscanini, una delle migliori realtà orchestrali internazionali, che parte da Parma nel nome del grande Maestro, e Stefano Belisari, in arte Elio, frontman del gruppo Elio e le Storie Tese, artista in residence 2018.

E poi ancora, tanti, tantissimi nomi, incasellati nei temi principali di questa 18esima edizione: dai Progetti Speciali, serie di concerti che parte da quell’idea di sperimentazione e di commistione di culture che ha fatto grande il festival, alla Tetralogia Brasiliana, quattro appuntamenti con la musica brasiliana eseguiti da alcuni dei migliori interpreti e creatori di tutti i tempi, arricchiti da una sequenza di eventi basati sulla musica latinoamericana, dall’Omaggio a Rossini in occasione del 150° anniversario dalla morte del Maestro ai giovani talenti di Primo Premio!

Il tutto si svolgerà nei luoghi più belli e incantati della regione, da sempre peculiarità del festival. Molte le strade da percorrere, i musei da visitare, i luoghi da ascoltare, i pezzi di Storia da incrociare: così tanti che si rischierebbe di perdersi.