Tempo di lettura: 2 minuti

Leno (Brescia) – Avere la capacità di parlare la lingua inglese fin dall’età scolare è forse una delle abilità più importanti che i bambini della scuola primaria e secondaria possono acquisire. Conoscere l’inglese, nella società attuale, è quanto mai fondamentale per potersi aprire nuove strade e vivere nuove esperienze di vita in tutto il mondo, creando scambi e collegamenti.

Imparare ad averne padronanza e ad essere sciolti con l’uso dei vocaboli inglese aiuta il bambino a sentirsi più sicuro di sé, rafforza in lui la capacità di prendere decisioni ed orienta fin da bambini ad essere davvero cittadini del mondo e ad aprire i propri orizzonti a nuove e differenti culture.

Per offrire un’opportunità concreta ai nostri ragazzi, Fondazione Dominato Leonense propone per l’estate 2018 la quarta edizione dell’English City Camp! Il City Camp è la vacanza studio in inglese nella propria città e si rivolge agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado.

L’edizione 2018 si terrà in Villa Badia a Leno da lunedì 23 venerdì 27 luglio ed offrirà ai giovani partecipanti un’efficace English full immersion, grazie ad attività didattiche e ricreative che stimolano costantemente gli studenti ad esprimersi in inglese.

I City Camp sono promossi da ACLE, Associazione Culturale Linguistica Educational, ente non a scopo di lucro accreditato dal Ministero dell’Università e della Ricerca per la formazione docenti, e dalla WTEFLAC, World TEFL Accrediting Commission, prestigiosa Commissione Mondiale che accredita le migliori scuole di inglese.

Sede del City Camp sarà il magico parco ottocentesco di Villa Badia a Leno, dove per un’intera settimana (dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 16.30), i partecipanti saranno seguiti da giovani tutor, laureati o laureandi e provenienti da diversi paesi anglofoni del mondo, che animeranno le attività didattiche e ludiche in lingua inglese. Come sempre, sarà il gioco a farla da padrona: attraverso le attività proposte dai tutor rigorosamente in lingua inglese, i ragazzi saranno motivati a rompere quelle barriere che solitamente frenano ognuno di noi nell’esprimerci in una lingua che non è la nostra lingua madre.

Al centro del rapporto tra i tutor e gli studenti si colloca l’apertura a nuovi modelli culturali, che favoriscono il miglioramento della pronuncia, la comprensione ed il lessico.

 

CONDIVIDI
Marco Sacchi
Bresciano di origine e residenza, frequenta l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza dove si specializza in Economia aziendale. Dal 2011 in forza presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *