Tempo di lettura: 3 minuti

Brescia. Alla libreria dell’Università Cattolica di Brescia un incontro con Enzo Bianchi, Priore di Bose, giovedì 10 dicembre alle 18.00, in occasione della presentazione del libro Cibo e sapienza del vivere  una riflessione sul senso del pane e sulla connessione tra cibo e sapienza del vivere. Al fianco di Enzo Bianchi ci sarà Francesca Nodari con il suo libro Quale pane?

Nell’anno dell’EXPO, nell’era della globalizzazione e ai tempi della dittatura imperante del fast food, i due volumi si interrogano sul significato profondo del cibo come nutrimento per la convivialità, termine che pare ormai desueto dato che i pasti, molto spesso, si riducono ad una consumazione rapida e automatica, molte volte solitaria, con porzioni monodose create ad hoc, magari pre-cotte scandite dal tempo sincronico della pausa pranzo.

Il senso del pane e la connessione tra cibo e sapienza del vivere, la ritualità che è sottesa al mangiare insieme, a dividere il tozzo di pane, a sedersi ad uno stesso tavolo il cui fine è la condivisione. Sono questi i punti di partenza delle riflessioni raccolte nei libri Cibo e sapienza del vivere di Enzo Bianchi e Quale pane? di Francesca Nodari, entrambi pubblicati da Massetti Rodella, nella collana “Granelli”.

Alla presentazione, organizzata con il patrocinio del Comune di Brescia, interverranno: Emilio Del Bono, Sindaco del Comune di Brescia, Armando Savignano, ordinario di Filosofia Morale, Università di Trieste, Mario Rosini, fotografo, Francesca Nodari, direttore scientifico Festival Filosofi lungo l’Oglio, filosofa ed Eugenio Massetti, editore. L’incontro sarà moderato da Claudio Ghidoni, professore di Psicologia, Università degli Studi di Pavia.

Enzo Bianchi è il fondatore e il Priore della Comunità monastica di Bose, che conta un’ottantina di membri tra fratelli e sorelle di cinque diverse nazionalità ed è presente, oltre che a Bose (Magnano, Biella), anche a Gerusalemme, Ostuni (Brindisi), Assisi, Cellole- San Gimignano (Siena) e Civitella San Paolo (Rimini). Enzo Bianchi ha fondato nel 1983 la prestigiosa casa editrice Qiqajon che pubblica testi di spiritualità biblica, patristica, liturgica e monastica. Nel 2000 l’Università degli Studi di Torino gli ha conferito la laurea honoris causa in Scienze politiche.

Membro del Consiglio del Comitato cattolico per la collaborazione culturale con le Chiese ortodosse e orientali del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei 78 Cristiani, ha fatto parte della delegazione nominata e inviata da papa Giovanni Paolo II a Mosca nell’agosto 2004 per offrire in dono al patriarca Aleksij III l’icona della Madre di Dio di Kazan. Il Priore ha partecipato come “esperto” nominato da papa Benedetto XVI ai Sinodi dei vescovi su La Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa (ottobre 2008) e su La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana (ottobre 2012).

Nel 2014 Papa Francesco lo ha nominato Consultore del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani. Enzo Bianchi è una delle voci più ascoltate e acute dell’esperienza ascetica nell’epoca contemporanea. Collabora regolarmente con La Stampa e Avvenire. Esperto di mistica e di spiritualità, è autore di commenti a libri della Bibbia (Genesi, Cantico dei Cantici, Apocalisse).

Francesca Nodari si è laureata in Filosofia all’Università degli studi di Parma e si è specializzata in Filosofia e linguaggi della modernità nell’Ateneo di Trento. Ha quindi conseguito, sotto la guida del prof. Bernhard Casper (Università di Friburgo), il dottorato di ricerca in Filosofia all’Università di Trieste. Nel novembre 2014 ha ottenuto l’abilitazione nazionale nel settore di Filosofia morale. È Direttore scientifico del Festival Filosofi lungo l’Oglio e del Festival Fare memoria (www.filosofilungologlio.it).

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *