Tempo di lettura: 4 minuti

Ferrara. L’estate del Teatro Ferrara Off riparte dal Baluardo con le tradizionali rassegne GrowingOff e The Royl Estate sul Baluardo, con il patrocinio del Comune di Ferrara e della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con MusiJam Aps, Ultimo Baluardo Aps, con il sostegno di Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo, e Ferrara Sotto le Stelle. Un rinnovato spazio esterno ad accogliere il pubblico estivo, finalmente in presenza, per una programmazione che spazierà tra teatro, arte, danza e musica. La proposta musicale è a cura di MusiJam.

Termiato il programma di GrowingOff  ora sul Baluardo si alza il sipario sulla rassegna The Royal, Estate sul Baluardo 2021, sempre nella rinnovata arena esterna, adiacente al teatro. Un’estate regale per Ferrara Off: ispirati dalla figura, ormai miticizzata, della Regina Elisabetta II, una saga dal sapore anglosassone intervallata da arte, danza e musica, in collaborazione con MusiJam.

Il programma:

Mercoledì 30 giugno si riparte con il teatro e con Amy & Blake. Concerto per le ultime parole d’amore, ideato e diretto da Alice Conti, testo Chiara Zingariello, drammaturgia Alice Conti e Chiara Zingariello, sguardo ottuso Sabino Civilleri, costumi Eleonora Duse, musica dal vivo Nick Boursier/Davide Franchini/Lorenzo Zanghielli. In scena Alice Conti per questa produzione Ortika Un’introduzione alle ambientazioni londinesi della saga (The Royal) Estate. Spettacolo tragicomico musicale sulla dipendenza dedicato all’eroina contemporanea che – al posto nostro – ha vissuto tutto, ha amato troppo ed e bruciata in fretta: Amy Winehouse.

Lunedì 5 luglio, di nuovo musica con “I Giullari”, la rock cover band più nota in città. Marco Felix, Mauro Pavani, Geppo Beltrami e San Seghi tornano a rileggere i successi del grande hard rock anni ’70/’80.

Mercoledì 7 luglio un appuntamento attesissimo con l’Arte: Incontro con Arcangelo Sassolino, a cura di Giacomo Cossio. Dopo tre appuntamenti annunciati e poi annullati a causa della pandemia, la classica lezione d’arte di Giacomo Cossio diventa ‘intervista’ con Arcangelo Sassolino, per riflettere sul presente e sul futuro dell’arte con uno dei più importanti artisti italiani contemporanei.

La tradizione dei “Cisalpipers” Original Folk Music, per l’appuntamento musicale di lunedì 12 luglio.

Primo vero appuntamento della saga (The Royal) Estate, mercoledì 14 luglio, con La sovrana lettrice, dal romanzo omonimo di Alan Bennett, traduzione Monica Pavani. In scena Diana Höbel con le musiche dal vivo di Stefano Mastronuzzi, per questa produzione Ferrara Off in cui troviamo la Regina Elisabetta II alle prese con la lettura di libri: una scoperta inattesa dalle esilaranti conseguenze per lei stessa, per il suo entourage e per l’intero Regno Unito.

Lunedì 19 luglio spazio alla danza con Corpi di donne – Franca di e con Francesca Caselli, assieme alle allieve del corso Corpi di Donne, nato dalla necessità di apertura e condivisione del processo di ricerca alla base del solo Franca.

Mercoledì 21 luglio torna l’Arte a cura di Giacomo Cossio con Incontro su Cesare Leonardi. A pochi mesi dalla scomparsa del poliedrico architetto modenese Cesare Leonardi – le cui opere spaziano dalle poltrone di design esposte al MoMA alla progettazione di parchi urbani – Giacomo Cossio dialoga con Andrea Cavani, fondatore dell’Archivio omonimo.

Lunedì 26 luglio un tuffo nella danza con So it happens, concept e regia di Ruth Zanella, con Sofia Barilli, Alessandra Fabbri, Suzanne Foster, Arianna Gamberini. Elaborazioni sonore di Alessandra Fabbri e musiche di Trentemoller, Lorn, Matthias. La scelta di compiere un’azione piuttosto che un’altra può dipendere da vari fattori e spesso comprendiamo ciò che abbiamo fatto solo dopo l’accaduto. Forse perché abbiamo agito d’impulso senza pensare di scegliere un’alternativa migliore o forse perché l’atto stesso di compiere l’azione porta alla luce delle informazioni che prima non avevamo considerato. Un confronto fisico con ciò che ci accade per scoprire il nostro tipo di scelte in base alle opzioni percepite

Secondo appuntamento della saga (The Royal) Estate, con un racconto che accompagna gli spettatori – grandi e piccoli – nel mondo dei giganti, nei sogni dei bambini e nella reggia della Regina Elisabetta II: Il GGG con Gloria Giacopini, mercoledì 28 luglio.

Musica, lunedì 2 agosto con “Bleecker Street in Concert” Rhythm and Folk, un progetto nato originariamente dal repertorio di Simon and Garfunkel ed evolutosi successivamente estendendo il repertorio iniziale alle fonti musicali cui i due hanno attinto, sia sul versante folk sia su quello R & B e più in generale black. Il rimando al Greenwich village in quanto punto d’incontro fra culture diverse (tra le altre, bianca e nera) rimane. Così come il riferimento ai quartieri periferici e alla loro capacità di mescolare culture diverse.

Mercoledì 4 agosto teatro, in scena per la prima volta lo spettacolo Due ieri fa di e con Roberta Pazi.

L’ensemble Multietnico “Safar Mazì” in concerto, domenica 8 agosto, presenta Musiche dal Mediterraneo al Medioriente. Un percorso musicale frizzante e poetico, un viaggio verso sud e verso est, quasi a ripercorrere in direzione contraria il viaggio intrapreso da migliaia di persone, nel tentativo di capirne le ragioni in una rinnovata esperienza di comprensione attraverso l’arte e la cultura.

Conclusione importante, e terzo appuntamento della saga (The Royal) Estate – in due puntate, lunedì 9 agosto e mercoledì 11 agosto: Il nodo Windsor, con Maria Paiato. Dal romanzo omonimo di S.J.Bennet, con la traduzione di Monica Pavani e la selezione dei testi Margherita Mauro, una produzione Ferrara Off. La Regina Elisabetta II si trova a dover indagare e risolvere un misterioso omicidio avvenuto nel Castello di Windsor, trasformandosi così in una novella Miss Marple, carica di humour inglese.