Tempo di lettura: 3 minuti

Iseo, Brescia. Alla Fondazione Arsenale, nel cuore della cittadina lacustre, sino a domenica 3 settembre ospita la mostra “Evocazioni”, una opportunità unica per ammirare le opere d’arte contemporanea provenienti dalla collezione Paolo VI di Concesio.

La mostra è frutto della collaborazione tra la Collezione Paolo VI – arte contemporanea di Concesio e la Fondazione l’Arsenale di Iseo, con lavori di alcuni dei più interessanti protagonisti del panorama dell’arte astratta internazionale del Novecento, con particolare, ma non esclusivo, riferimento all’ambito italiano.

La mostra è idealmente divisa in tre sezioni: la prima di avvicinamento all’astrazione; la seconda illustra l’astrazione nelle sue varie sfumature: da quella più geometrica a quella più lirica fino a suggestioni informali; mentre l’ultima sezione, in linea con l’identità della Collezione Paolo VI, intende dimostrare come il linguaggio aniconico possa tradurre «il mondo invisibile in formule accessibili, intelligibili» senza con questo perdere «la sua ineffabilità, il senso della sua trascendenza, il suo alone di mistero, questa necessità di raggiungerlo nella facilità e nello sforzo allo stesso tempo» (Papa Paolo VI, Incontro con gli artisti nella Cappella Sistina, 7 maggio 1964).

Il senso complessivo dell’intera mostra è riassunto ed emblematizzato, in apertura, da un prezioso acquerello di Jean Bazaine, grande protagonista dell’arte europea a cavallo della Seconda guerra mondiale e tra i massimi interpreti novecenteschi di questa tecnica difficile.

Nella prima sezione spiccano i nomi di Kengiro Azuma e Pericle Fazzini interpreti di primo piano dell’arte postbellica internazionale, le cui opere appaiono come opere astratte, ma sono in realtà studi che testimoniano la rigorosa ricerca sulle possibilità di “sintetizzare” il mondo naturale.

Nella seconda sezione si trovano le geometrie di Hugo Demarco, le più liriche composizioni di Amerigo Tot e le suggestioni informali di Umberto Mastroianni e di Nuvolo.

Completano il percorso i dipinti di Claudio Olivieri e Valentino Vago che affrontano il tema della spiritualità e dimostrano come l’arte astratta possa essere efficacissima nel “visualizzare” l’epifania del divino.

Il progetto espositivo si colloca nell’ambito delle iniziative “Fuorimuseo!” della Collezione Paolo VI – arte contemporanea, pensate per valorizzare il ricco patrimonio del museo, le mostre da esso prodotte e le opere che di norma non possono essere esposte nel percorso permanente.

Sin dall’inizio della sua storia alla fine degli anni Ottanta, l’Associazione Arte e Spiritualità, ente gestore del Museo inaugurato nel 2009 dal Papa Benedetto XVI, ha volentieri messo a disposizione il suo patrimonio di oltre 7000 opere per mostre temporanee organizzate non solo da importanti sedi espositive nazionali, ma anche da enti attivi nella provincia bresciana, nella convinzione che una logica di “circuitazione sul territorio” delle iniziative culturali possa giovare sia al museo.

Sia soprattutto alla costruzione di una “comunità” culturale, sociale e civile quanto più possibile coesa – spiega Paolo Sacchini, direttore del Museo concesiano e curatore della mostra.

Già nel corso degli anni Duemila la collaborazione tra l’Associazione Arte e Spiritualità e la Fondazione l’Arsenale di Iseo, si è tradotta in mostre che hanno consentito ai visitatori della sede espositiva iseana di ammirare opere – tra gli altri – di Henri Matisse, Georges Rouault, Graham Sutherland, Trento Longaretti, Giacomo Manzù, Ennio Morlotti e altri ancora (molte di queste opere, oggi, fanno parte del percorso di visita permanente del museo).

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *