Brescia. “Evviva i nonni!” UNICEF Italia lancia con questo slogan la Festa dei nonni e dei bambini con 400 appuntamenti organizzati in tutta Italia dal 28-29 settembre e il 2 ottobre in piazze, strade e scuole., con 2.000 volontari. A Brescia la festa è in programma per domenica 29 settembre in Contrada delle Bassiche e nel pomeriggio dalle 15 alle 17,30 presso la libreria Asterisco e Bistrot.

Oltre a festeggiare i nonni e le nonne, la Festa sarà anche un momento di solidarietà: a fronte di un piccolo contributo, sarà possibile scegliere tra i diversi regali UNICEF disponibili: i fondi raccolti andranno a sostegno dei programmi dell’UNICEF contro la malnutrizione infantile. Secondo gli ultimi dati sono 148,9 i milioni di bambini al di sotto dei 5 anni colpiti da malnutrizione cronica e 49,5 milioni quelli colpiti da malnutrizione acuta.

Tema della mobilitazione è anche la memoria e le tradizioni: saranno ricordati i giochi di una volta, i mestieri dimenticati, i racconti dei nonni, canzoni, musiche, balli e altre attività che riguardano le tradizioni popolari del nostro paese.

– I nonni sono presenze su cui ogni bambino o nipote dovrebbe poter contare. Ci ricordano le sfide, i momenti felici e quelli difficili che fanno la storia di una famiglia. I nonni sono la nostra memoria e come nonno- dichiara il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo – vogliamo celebrarli in una festa che riunisca insieme tutte le generazioni.

Ci sono paesi in cui i bambini vengono lasciati soli, orfani di genitori venuti a mancare in guerra o per malattie o perché la loro mamma non ha ricevuto assistenza qualificata al momento di darli alla luce. Sono bambini che riescono a sopravvivere e a crescere esclusivamente grazie alla presenza di una nonna o di un nonno. L’UNICEF è al loro fianco con programmi nutrizionali e di supporto alla prima infanzia. Sono lieto di avere anche per questa edizione della Festa dei nonni al nostro fianco il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, nostro ‘Goodwill Ambassador’, e l’UNPLI/Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, con i quali condividiamo una cultura del territorio a partire dall’attenzione ai diritti dell’infanzia –

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.