Tempo di lettura: 3 minuti

Sommacampagna (Verona) –  Dopo il successo ottenuto con la rassegna “Famiglie a Teatro? Su il sipario!“, l’Assessorato alla Cultura di Sommacampagna, grande sostenitore del teatro, intende rilanciarlo anche in questi mesi invernali proponendo, presso l’Auditorium “Mirella Urbani” di Caselle, la rassegna intitolata “Teatro Sold-Out“, organizzata in collaborazione con Arteven, il Circuito Teatrale Regionale Veneto.

Si inizia venerdì 15 dicembre alle ore 21.00 con l’imperdibile spettacolo di Fabrizio Bosso e l’Orchestra Jazz del Veneto, diretta da Maurizio Camardi, nel concerto “In Itinere“, prodotto da Gershwin Spettacoli.

L’Orchestra Jazz del Veneto, nel progetto di Camardi – presidente e socio fondatore della Scuola di Musica “Gershwin” di Padova nonchè direttore musicale della Gershwin Jazz Orchestra e della European Music Orchestra – costituisce una orchestra stabile di jazz della Regione Veneto riunendo i più importanti musicisti jazz veneti, coinvolgendo circa una trentina di artisti che poi si esibiranno in organici differenti a seconda dei repertori, per diffondere il jazz sul territorio nazionale e all’estero.

La volontà di creare un’orchestra stabile di jazz parte da alcune considerazioni fondamentali.

L’interesse crescente intorno alla musica jazz con il movimento jazzistico italiano, e veneto in particolare, che mai come in questo periodo hanno raggiunto risultati importanti sia in termini di produzione che di gradimento del pubblico;

La particolare attrattività della musica jazz in grado di catturare l’interesse di un vasto pubblico e di trovare spazio in ambiti differenti: dai piccoli club ai grandi teatri, dai musei ai giardini estivi, dai piccoli chiostri alle grandi piazze, rivelando soprattutto in Veneto una realtà molto vivace nel panorama nazionale.

Un motivo di grande orgoglio dunque per l’Orchestra Jazz del Veneto poter condividere il palco con Fabrizio Bosso, uno degli ambasciatori del jazz italiano a livello mondiale in un progetto live che spazia da brani originali ad arrangiamenti scritti appositamente per questo concerto e che rendono omaggio ad alcuni grandi compositori della storia del jazz come Wayne Shorter, Jaco Pastorius e Miles Davis, emozionando il pubblico con i suoni magici e inconfondibili del jazz.

Fabrizio Bosso

Fabrizio Bosso inizia a suonare la tromba all’età di 5 anni e a 15 si diploma al conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Nel 2000 pubblica “Fast Flight”, primo disco a suo nome, nel 2002 esce il primo disco degli High Five “Jazz For More”, seguirà “Jazz Desire” nel 2004, per la prestigiosa Blue Note “Five For Fun” nel 2008 e “Split Kick” nel 2010.

Fin dall’inizio della sua carriera Fabrizio vanta collaborazioni importanti come, Gianni Basso, Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani, Charlie Haden, Carla Bley. Con la Blue Note, pubblica nel 2007 “You’ve Changed”, in quartetto e 13 archi magistralmente arrangiati da Paolo Silvestri, con alcuni ospiti come Stefano Di Battista, Bebo Ferra, Dianne Reeves e Sergio Cammariere, al quale deve l’ingresso nel mondo del pop e la prima apparizione al Festival di Sanremo. Seguirà “Handful Of Soul”, con il quintetto High Five, che consacrerà al successo Mario Biondi. Nel 2010 pubblica “Spiritual”, con Alberto Marsico e Alessandro Minetto, poi “Purple” nel 2013. Nel 2011 la registrazione, presso gli Air Studios di Londra, dell’album “Enchantment-L’incantesimo Di Nino Rota” con la London Symphony Orchestra e Claudio Filippini, Rosario Bonaccorso e Lorenzo Tucci, arrangiamenti e direzione di Stefano Fonzi.

Partecipa ancora a Sanremo, sia con Sergio Cammariere che con Simona Molinari, Raphael Gualazzi e Nina Zilli. Molte le collaborazioni cross over tra cui “Uomini in Frac” dedicato a Domenico Modugno e “Memorie di Adriano”, dedicato a Celentano.

Non mancano esibizioni come solista, insieme a grandi direttori come Wayne Marshall o Maria Schneider. A fine 2014, esce l’atteso duo con Julian Oliver Mazzariello “Tandem” (ospiti Fiorella Mannoia e Fabio Concato) e nel 2015 pubblica “Duke” (per Verve/Universal), dedicato a Duke Ellington, con il nuovo quartetto di Julian Oliver Mazzariello, Luca Alemanno e Nicola Angelucci e una sezione di sei fiati, direzione di Paolo Silvestri. A Maggio 2016, esce il disco con Julian Oliver Mazzariello e Fabio Concato, “Non Smetto Di Ascoltarti”, pubblicato da Warner Music.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *