Tempo di lettura: 2 minuti

Scaldiamo i muscoli, quelli della vista e dello spirito, per partecipare domenica 18 ottobre alla FAImarathon, una maratona da correre con gli occhi per ammirare luoghi di bellezza, una vera e propria maratona nella cultura del territorio, organizzata dal FAI  in oltre 500 luoghi in 130 città di tutta Italia grazie all’entusiasmo di 3.500 volontari che, in molti casi, proporranno eventi e iniziative speciali.FAI marathon

Nata nel 2012 è un evento nazionale a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”. Per la prima volta quest’anno è affidata ai giovani del FAI. Palazzi, chiese, teatri, giardini, cortili, frammenti di bellezza della nostra vita quotidiana, spesso inaccessibili o poco conosciuti: i luoghi proposti nei diversi itinerari tematici, urbani ed extraurbani, sono di interesse artistico, paesaggistico e sociale e rappresentano l’identità del territorio, la sua storia, le sue tradizioni.

Una giornata aperta a portata di tutti che il FAI ha pensato per portare i partecipanti alla scoperta di luoghi inediti, una giornata da vivere all’insegna della cultura per riempirsi gli occhi e lo spirito del paesaggio meraviglioso che ci circonda. Di maratona si tratta, ma più che una corsa è una  passeggiata culturale, non competitiva, dove ognuno con il suo passo può aderire. L’iscrizione si può fare direttamente al mattino della partenza nel luogo scelto, oppure on line. Pizzighettone

La FAImarathon si prospetta come una domenica d’autunno entusiasmante e con la possibilità di scoprire angoli di bellezza, architettura e natura, molte volte dietro l’angolo del nostro territorio. Basta collegarsi al sito del FAI e scegliere un sito da visitare, e siccome i luoghi sono davvero molti sul sito ci sono i consigli per la visita o le aperture straordinarie, sono luoghi che aprono solo in occasione della FAImarathon.

Il FAI Contribuisce alla tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio d’arte, natura e paesaggio italiano. E’ una fondazione nazionale senza scopo di lucro, nasce il 28 aprile 1975 con questo preciso scopo. Sono passati 40 anni e la fondazione, grazie al sostegno e alla generosità di tantissimi cittadini, fondazioni e aziende, non ha mai smesso di dare concretezza all’art. 9 della Costituzione Italiana: “La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”.Giornata-FAI-di-Primavera-

Un impegno quotidiano nella cura, promozione e valorizzazione di monumenti e luoghi unici del nostro Paese per le generazioni presenti e future e nell’educazione e sensibilizzazione della collettività alla conoscenza, al rispetto e al godimento per l’arte e la natura, che si traduce nell’organizzazione di grandi eventi come le Giornate FAI di Primavera, FAImarathon e tante altre iniziative. Il FAI si fa, inoltre, portavoce degli interessi e delle istanze della società civile vigilando e intervenendo attivamente sul territorio, in difesa del paesaggio e dei beni culturali italiani, nella convinzione che occuparsi di ambiente significa occuparsi non solo nei luoghi dove vive l’uomo, ma anche di come egli vive, si sviluppa e opera in quei luoghi.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *