Tempo di lettura: 2 minuti

Mantova – Giunto alla sua terza edizione, questo appuntamento di Carnevale – fortemente voluto dal Complesso Museale di Palazzo Ducale – nasce dalla collaborazione tra i Servizi Educativi del Museo e l’associazione Segni d’infanzia che hanno ideato una proposta specifica per famiglie, inserita fra gli eventi del Museo dei Bambini ma adatta a qualsiasi tipologia di pubblico animato dalla curiosità di vivere, per un pomeriggio, l’atmosfera di grande festa nella dimora dei Gonzaga.

Il titolo dell’evento richiama, con i fasti, la ricchezza e l’eleganza dei momenti conviviali alla corte di Mantova; il travestimento costituisce l’aspetto più divertente del Carnevale ed è un invito, rivolto a grandi e piccini, a scegliere un costume speciale con cui colorare le sale del Palazzo.

Ospitato nell’appartamento della Rustica, l’evento vede esibirsi diversi artisti, spaziando dalla danza aerea allo spettacolo di giocoleria interattivo, fino al laboratorio artistico.

Tutti con il naso all’insú per la performance di Silvia Zotto che danza sospesa, con tessuti e monocorda, stagliandosi sul meraviglioso soffitto affrescato della Sala dei Frutti: come in un gioco di prospettiva, il corpo dell’artista si cimenta in eleganti acrobazie tra le immagini dipinte.

Nella Sala delle Quattro colonne, invece, ad attendere gli spettatori c’è Monsieur Bidón (nella realtà Davide Ciani del Circo Volante), eccentrico raccontastorie del Re Sole, catapultatosi alla corte dei Gonzaga per il Carnevale, che si affida alla giocoleria e al pubblico per dar vita a un divertente spettacolo.

Un’operatrice di Segni d’infanzia, Silvia Spagnoli, srotolato un lungo rotolo di carta, accompagna tutti i bambini nella creazione di una grande opera collettiva ispirata alle maschere.

Immancabili le postazioni dove truccarsi per l’occasione, con quattro abili visagiste – Annalisa Belladelli, Alice e Beatrice Ancelotti – che scelgono i colori dei Gonzaga, l’oro e il nero, per completare il travestimento dei partecipanti.

Tocco finale prima di addentrarsi in una passeggiata per il Palazzo, attraversando la Sala degli Specchi, l’Appartamento di Vincenzo, il Corridoio dei Mori e l’Appartamento degli Arazzi, scortati come ospiti speciali dagli ambasciatori ducali Lara Zanetti, Eleonora Longhi e Arianna Maiocchi.