Tempo di lettura: 1 minuto

Giochi, degustazioni e possibilità di acquisto di prodotti tipici: un viaggio tra 152 tra aziende agricole e musei. E’ all’insegna della biodiversità la diciottesima edizione di Fattorie Aperte l’appuntamento con il territorio rurale, i prodotti tipici, il paesaggio promosso dalla Regione Emilia-Romagna.

Il primo appuntamento è stato  infatti il 22 maggio scorso giorno in cui ricorre la Giornata internazionale della biodiversità.

Gli altri appuntamenti con “Fattorie Aperte” sono il 29 maggio e il 5 giugno

Come di consueto, a Fattorie Aperte sarà possibile partecipare ad attività ludiche per bambini e famiglie, degustare e acquistare prodotti locali, approfittare di un pranzo “in campagna”, visitare le fattorie scoprendo coltivazioni, allevamenti e tecniche produttive rispettose dell’ambiente e della salute.

Dalle ore 10,00 alle 18,00 da Piacenza a Rimini, 139 aziende agricole dell’Emilia-Romagna accoglieranno famiglie, bambini, curiosi, amanti della natura, della terra e della buona tavola.

Cinque le diverse modalità di visita: La campagna insegna; Mangiare in fattoria; Natura e cultura; Porta a casa la campagna e Visita in fattoria.

Parteciperanno all’iniziativa anche 13 musei. In particolare, i sei Musei del cibo e il museo Guatelli in provincia di Parma; Villa Smeraldi di Bentivoglio e l’Orto botanico Ulisse Aldrovandi di San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna; a Forlimpopoli (FC) Casa Artusi, infine nel riminese il Museo naturalistico del parco Sasso Simone e Simoncello, la Fondazione Culture di Sant’Arcangelo e l’Osservatorio naturalistico della Val Marecchia a Borgo Torriana.

CONDIVIDI
La Redazione
Siamo a Leno (Brescia) presso il Centro Polifunzionale di Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo. Se volete, venite a trovarci. Vi offriremo un caffè e faremo due chiacchiere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *