Tempo di lettura: 2 minuti

Mi scrive Febbro, maschio, anni 31, mano destra
Non esiste riscontro grafico inquanto l’utente non ha acconsentito alla pubblicazione di parte dello scritto sottoposto ad analisi.

Io spero vivamente che, nel momento in cui scriveva, Febbro fosse o un po’ stanchino, o con qualche linea di febbre, o in cova d’influenza. Questo non perché io sia sadica e desiderosa di vedere ammalati coloro che richiedono un referto grafico, ma solo perché un Segno grafico qui presente è antitetico, rispetto a tutti gli altri.

Sarebbe, veramente, necessario un confronto con altri saggi grafici, effettuati in tempi diversi. In effetti, l’analisi di un solo scritto può indicare, a parte le caratteristiche di base di una personalità, solo lo stato d’umore del momento.

Ma, per sapere quale umore, generalmente e il più delle volte, ha il soggetto, sarebbe molto utile analizzare più scritti, vergati a distanza di tempo, in modo da cogliere la componente più usuale e fare la media di quello che risulta.

In questo caso, abbiamo una persona che, o era particolarmente stanca, in procinto di mettersi a letto con malattia stagionale, o è abitualmente sull’orlo di una visione della vita un po’ cupa. Questo contrasterebbe con altre caratteristiche, anche molto positive, che compaiono nello scritto:

  • affettività notevole, sfociante, a volte, nella passionalità
  • cordialità (mascherata, a volte, da atteggiamento non armonioso)
  • idealizzazione della propria compiacenza
  • un po’ di gelosia/senso del possesso
  • straordinaria capacità di adattamento delle proprie conoscenza già acquisite; della propria esperienza ad affrontare problemi nuovi
  • impulsività, capace, però, di essere contenuta, con buon autocontrollo (anche se alterno)
  • capacità di legare e di entrare in sintonia con chiunque, senza remore per status o per situazioni
  • capacità di “buttarsi” nelle azioni, “tirandosi su le maniche”, senza risparmiarsi.
  • capacità di capire e di amare la musica
  • rifiuto delle cosiddette “raffinatezze”, ancor più della vezzosità e dell’ “inutile girare a vuoto” (parler pour parler) di conversazioni o divertimenti
  • capacità di cogliere l’ “essere furbo” altrui
  • ottimale capacità organizzativa
  • ottimali strategie organizzative, con puntualizzazione
  • ottimale capacità di “far produrre” l’habitat
  • tenacia e forza nelle questioni materiali, fisiologiche ed economiche

Se non fosse stato presente il Segno indicante “stanchezza”, potrei definire questo soggetto con tutti i termini della persona capace di sfondare, di frantumare qualsiasi muro.
La presenza di detto segno, invece, lascia adito a tante possibilità…anche a quella, ben poco piacevole, che il soggetto non riesca a far valere del tutto le proprie doti.
Spero, comunque, che mi arrivino altri scritti di Febbro, giusto per poter soddisfare la mia curiosità ……..“grafologica”.

 

Riesame della grafia

Febbro ha reinviato la sua grafia per una conferma. Ecco la risposta.

Ringrazio e ringrazio…in effetti, ricevere il secondo campione grafico di Febbro mi ha fatto comprendere che tutte le buone qualità notate hanno conferma….spero intensamente che la stanchezza sia passata, e che in lui permanga la grande capacità di “frantumare” che era stata rilevata.
Posso congratularmi?

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *