Tempo di lettura: 3 minuti

Ferrara. La splendida città estense si prepara ad accogliere dal 20 al 30 agosto il Ferrara Buskers Festival, la rassegna internazionale della musica di strada, con un’anteprima in un palcoscenico di grande prestigio a Milano in occasione dell’EXPO. La musica on the road della chermes ferrarese sbarca il 20 agosto, tra il Duomo e il Castello Sforzesco in apertura del 28esimo Ferrara Buskers Festival. Expo 2015 è diventata ancora di più espressione di culture di tutto il pianeta, si esibiranno 20 gruppi invitati protagonisti della più grande manifestazione della musica on the road. Quest’anno tappe anche a Comacchio e Lugo e otto giorni di grande festa della musica a Ferrara.Ferrara Buskers Festival (21)

La musica del mondo suonata on the road arriva a Ferrara nel cuore dell’estate, la città accoglie artisti da tutto il mondo che invaderanno le piazze e vie del centro storico negli ultimi giorni d’agosto. la Rassegna internazionale del musicista, dopo l’anteprima di Milano vedrà i musicisti esibirsi il 21 agosto anche tra i ponti e i canali del centro storico di Comacchio (FE). Poi dal 22 al 30 la carovana dei mille artisti di strada si esibirà tra le strade e i palazzi antichi di Ferrara, con l’eccezione di lunedì 24 agosto, data dell’ultima frizzante tappa del Ferrara Buskers Festival On Tour che si terrà, per il terzo anno consecutivo, a Lugo.
Ferrara Buskers Festival (24)

L’apertura di Milano, segue l’anteprima nel centro storico dell’Aquila dello scorso anno e la performance tra le calli e i campi di Venezia nel 2013. Oltre a proporre una miriade di attività collaterali, per il quinto anno consecutivo il Ferrara Buskers Festival sposa il Progetto EcoFestival, mettendo in campo tantissime iniziative per vivere la rassegna in modo green e sostenibile.

Il Ferrara Buskers Festival, con i suoi 800.000 spettatori e con i suoi 1.000 artisti in rappresentanza di una quarantina di nazioni, è la più grande manifestazione al mondo dedicata all’arte di strada.Ferrara Buskers Festival (5)

Nasce nel 1987 da un progetto di Stefano Bottoni, direttore artistico del festival, con l’intento di valorizzare la figura del musicista di strada e per far conoscere ad un pubblico sempre più vasto le bellezze e le suggestioni di Ferrara. Amante della musica e musicista a sua volta, Stefano Bottoni è prima di tutto un artigiano, un fabbro per l’esattezza e l’idea del festival nasce proprio nella sua officina. Tanti piccoli spunti si sono accumulati nella sua testa ma uno, soprattutto, ha dato vita all’idea. Si tratta di un articolo apparso sul quotidiano locale, datato 30 luglio 1987, in cui si riferiva di due musicisti, con chitarra e batteria, allontanati dai Vigili Urbani.Ferrara Buskers Festival (22)

Stefano Bottoni decise quindi che sarebbe potuta esistere una città, o almeno un periodo, in cui si potesse suonare per strada: la sua Ferrara. A supportare quell’idea rivoluzionaria arriva nella sua officina, proprio in quell’anno, un artista d’eccezione Lucio Dalla. Il grande artista bolognese, due anni dopo, si vedrà suonare il clarinetto assieme a Jimmy Villotti al Festival, in una piazzetta ferrarese, mimetizzato tra gli altri buskers invitati. Oggi il festival è alla sua 28 edizione e conta tantissimi emulatori ma resta invariato lo spirito iniziale, nato da un uomo nella sua officina.

Negli anni raggiunge risultati insperati dando peraltro un forte impulso alla economia della città, sempre più centrata sul turismo culturale. La manifestazione, in virtù del suo successo, diventa un modello da imitare contribuendo, in maniera determinante, a far nascere un vero e proprio settore, quello dell’arte di strada italiana, che conta oggi più di 200 iniziative.

 

 

 

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *