Tempo di lettura: 2 minuti

Mantova. Un’antica tradizione riemerge nella notte di tutti i Santi dai laghi di Mantova: è la festa della “Lumere”. Il Consorzio agrituristico mantovano in occasione della manifestazione “di zucca in zucca”, vuole riproporre questa antica consuetudine, restituendole il suo vero significato di festa popolare, e in particolare festa dedicata ai più piccoli, che potranno divertirsi a trasformare le zucche creando le opere più strane e fantasiose.

Domenica 29 ottobre dalle 9 alle 19 nel cuore della città: Lungorio, Peschiere e piazza Martiri di Belfiore la festa delle Lumere, con zucche intagliate, spettacoli, merende, laboratori e street food.

Nella notte di tutti i Santi, nelle campagne mantovane si usava realizzare figure e maschere che ricordassero teschi, per esorcizzare l’idea della morte nei giorni in cui i mondi dei vivi e dei trapassati entravano in comunicazione. Per creare queste rappresentazioni dei defunti il materiale prediletto erano le zucche, per la loro forma e per essere vuote all’interno, erano perfette per ottenere volti spaventosi da illuminare poi nell’oscurità ponendo all’interno un lumino.

Di solito, le lumere erano un compito divertente assegnato a bambini e ragazzi, che poi le utilizzavano per organizzare scherzi ai danni dei più paurosi, oppure per essere poste sulle finestre o lungo le strade. Tradizionalmente, queste luci avevano la funzione di illuminare la strada alle anime di passaggio da un mondo all’altro, e per questo venivano poste anche sulle vie d’accesso ai cimiteri. Usanze di un passato non così lontano che tornano oggi rimbalzando da oltre oceano, ma che fanno parte della nostra cultura e del folclore locale da secoli.

La mattina di domenica 29 ottobre il mercato contadino di Mantova tornerà sul Lungorio per chi vorrà acquistare zucche, derivati dalle zucche e tanti altri ottimi prodotti di fattoria mantovani. Dalle ore 15, sempre tra il Lungorio e le Pescherie, si terrà una grande festa, dove ci saranno altre zucche a disposizione dei bambini, che potranno colorarle ma anche osservare maestri intagliatori al lavoro, per carpire i segreti della decorazione delle zucche.

Tutte le lumere verranno esposte sul Lungorio, dove la fata “trucca bimbi” colorerà i faccini di tutti i bambini; si potrà anche fare una sana merenda a base di zucca e giocare tutti insieme.Poi zucche giganti, spettacolo magico e tanto altro.

Ma… appena farà buio si accenderanno i lumini nelle lanterne di zucca, che creeranno un’atmosfera incantevole e magica, e altre leggere lanterne voleranno sul Rio illuminandolo della loro fioca luce.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *