Ultimo fine settimana per l’edizione 2016 del Festival Biblico, fra Vicenza, Padova, Verona, Rovigo e Trento, che si chiude il 29 maggio ed è promosso dalla Diocesi di Vicenza e Società San Paolo, in collaborazione con tutte le diocesi delle città sedi della rassegna.

Tema di questa edizione è quello dei sogni realizzati. Un Festival Biblico che guarda a se stesso come alla concretizzazione di ciò che, fin dalla prima edizione, ha voluto essere: un Festival di comunità per la comunità.

Piano piano, un passo alla volta, edizione per edizione, ha raccolto intorno a sé sempre più idee, valori, persone, progetti, realtà “in rete” e un pubblico attento (45.000 presenze nell’ultima edizione).

Festival Biblico, passate edizioni_@StudioEsseci

Lo ha fatto con un obiettivo chiaro, immediato, ma a volte fin troppo audace per chi non conosceva la rassegna per avervi partecipato almeno una volta: far risuonare le Scritture attraverso diversi linguaggi, nei luoghi frequentati dalle persone, traducendole nella vita quotidiana. E diventare, nel tempo, un laboratorio culturale che si rivolge a tutti.

Adulti e giovani, credenti e non credenti. Dopo il sorprendente allargamento della proposta culturale prima a Verona e Padova poi a Rovigo e Trento e il necessario ma gioioso riassetto organizzativo, nel 2016 il Festival propone, forse, la sua miglior veste su un tema alquanto difficile: ‘Giustizia e Pace si baceranno’, tratto dal Salmo 85.

Durante il Festival molti appuntamenti  creano un’originale occasione di incontro. Tra tutti, “Una Giornata di Pace”, sabato 28 maggio a Vicenza, per vivere un’esperienza di Pace interiore, con gli altri, in famiglia, o con la persona amata.

Un grande evento di piazza che si terrà dalle 10.00 alle 19.00 dove, oltre a confluire e continuare l’iniziativa dìSEGNI dìPACE, si terranno molte attività di animazione, tra cui stage di danza, una speciale caccia al tesoro alla ricerca della Pace, giochi popolari dal mondo a cura di varie associazioni dei cittadini stranieri presenti nel territorio, spettacoli e letture. Conduttori d’eccezione della giornata: Marco e Pippo. Particolarissima poi e inedita l’iniziativa per la pausa pranzo: il Giardino del Vescovo si apre per un grande pic-nic.

Festival Biblico, passate edizioni_@StudioEsseci

Sempre “a chiamata” anche l’evento finale di tutto il Festival, che invita persone da ogni parte del Veneto, domenica 29 maggio a Vicenza. Il messaggio è forte e chiaro: ritrovarsi in piazza dei Signori per ascoltare i messaggi di Pace da esponenti di cinque diverse religioni per un significativo evento condiviso.

Oltre ai grandi eventi, tutti i contenuti parlano di dialogo. Ogni sede ha infatti sviluppato il tema dell’edizione pensando alla Pace nelle sue declinazioni di Giustizia, Perdono e Misericordia trasportate nei temi caldi dell’attualità, costruendo così un programma alla continua ricerca di cultura, approfondimento, informazione e valori spirituali, etici e civili, per far comprendere ancora una volta che “Non c’è pace senza giustizia; non c’è giustizia senza perdono”, come ammoniva Giovanni Paolo II.

Il Festival Biblico è fondato sul dono e vive del sostegno di diversi soggetti istituzionali e privati, ognuno secondo le proprie disponibilità.

La Card è la forma più “popolare” e accessibile per partecipare. L’esistenza del Festival dipende da coloro che ne usufruiscono: il pubblico è allo stesso tempo promotore e spettatore. L’ingresso alla maggior parte degli eventi è libero e gratuito, perché l’obiettivo della rassegna è la diffusione della cultura senza barriere.

Tuttavia l’organizzazione ha dei costi, che tutta la comunità è chiamata a sostenere, se vuole offrire un futuro alla rassegna, la cui realizzazione non si può dare per scontata in questi tempi difficili. Ecco allora che lo strumento della Card acquista un significato in più: non un “biglietto d’ingresso” ma la scelta di aderire a un progetto, la volontà di proseguire sulla strada della condivisione, il riconoscimento del valore e dell’importanza delle tante opportunità di incontro e riflessione che il Festival offre. Sono previste tre formule di sottoscrizione: basic da 10 euro, under 30 da 5 euro e family da 15 euro. Ai possessori della Card sono riservate agevolazioni nella fruizione del Festival e presso attività del territorio.