Tempo di lettura: 2 minuti

Venezia – Nazra“, il Festival di Cortometraggi sulla Palestina, farà il suo debutto mercoledì 27 settembre alle ore 18.00, presso la Casa del Cinema di Venezia, dove resterà fino al 29 con un ricco programma di proiezioni dei 24 film in concorso, tra cui anche due film nominati agli Oscar: “5 broken cameras” dell’israeliano Guy Davidi e “Ave Maria” del palestinese Basil Khalil.

Nazra” è un festival itinerante, che dal 27 settembre girerà in 5 città italiane e che si aggiunge allo storico “Al Ard Film Festival” che si tiene annualmente in Sardegna.

Le bombe su Gaza e l’hip hop a Gerusalemme, i battibecchi popolari e i silenzi religiosi, la memoria degli anziani e le speranze dei bambini: sono tante le storie dalla Palestina che saranno raccontate attraverso i cortometraggi, provenienti da numerosi paesi. Film che abbracciano generi diversi: dal drammatico alla commedia, dal musical al cinema d’animazione, dal documentario alla videoarte.

Padrino della tappa veneziana del festival sarà il drammaturgo, attore e scrittore Moni Ovadia, presente all’inaugurazione del 27 settembre.

Le tre serate saranno coordinate dalla giornalista Cecilia Dalla Negra, vicedirettore dell’Osservatorio Iraq, Medioriente e Nord Africa ed esperta della Palestina che, assieme a Monica Maurer e Massimo Vattani (membri di una giuria internazionale tra cui figurano anche Mohammad Bakri e Luciana Castellina), introdurrà il pubblico alla visione delle diverse ed eterogenee opere in concorso.

Un altro ospite d’eccezione è invece atteso per la serata conclusiva del 29 settembre, giorno della cerimonia ufficiale di premiazione delle cinque opere vincitrici per le cinque categorie in concorso (documentario palestinese e internazionale, fiction palestinese e internazionale, corti sperimentali) sarà l’Ambasciatrice di Palestina in Italia Mai Alkaila, in carica dal 2013.

Il festival proseguirà poi a Firenze, Roma e Bologna per concludersi a Napoli il 21 ottobre.

Nazra“, che in arabo significa ‘sguardo’, intende sostenere e far conoscere la produzione cinematografica palestinese, con le sue eccellenze artistiche, in Italia, e al tempo stesso dare spazio allo sguardo di registi internazionali (italiani in particolare, ma anche da altri paesi arabi, da Israele, da Europa e Usa) che hanno saputo raccontare in maniera inedita la condizione attuale della Palestina.

Il festival è nato con l’obiettivo di sostenere il valore del cortometraggio e far riflettere su tematiche come la libertà, la giustizia, i diritti umani, la conoscenza, la pace, la multiculturalità, attraverso forme di partecipazione, dialogo e riflessione sulla forma cinematografica e per incoraggiare (specialmente per quel che riguarda gli autori palestinesi) l’uso del cinema come mezzo di comunicazione ed espressione, in particolare da parte dei giovani.

Il Nazra Palestine Short Film Festival è promosso da Assopace Palestina e Associazione Restiamo Umani con Vik (Venezia), in collaborazione con Associazione Anémic (Firenze), École Cinéma (Napoli), Centro Italiano di Scambi Culturali Vik (Gaza), ArtLab (Gerusalemme), FilmLabPalestine (Ramallah), con il patrocinio dell’Ambasciata di Palestina in Italia, delle Regioni Veneto, Toscana ed Emilia Romagna e dei comuni di Bologna e Napoli, il sostegno di Coop Alleanza 3.0, e l’amichevole collaborazione del Festival Ciné-Palestine di Parigi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *