Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. La danza popolare rianima il parco Castelli di Brescia, il 31 maggio, l’1 e 2 giugno, arrivato alla sua XVII^ edizione. L’evento è organizzato dall’associazione culturale Il Salterio con il patrocinio e il sostegno del Comune di Brescia.

Il programma è ricco di spettacoli gratuiti nei quali saranno rappresentate differenti tradizioni di musica, danza e costumi. L’associazione Il Salterio da più di trent’anni, oltre a portare spettacoli e animazioni in vari ambiti, organizza corsi, stage e laboratori nelle scuole, collaborando con altre associazioni e istituzioni del territorio di Brescia e provincia.

Il festival della danza popolare, momento culmine dell’attività dell’associazione Il Salterio, offre alla cittadinanza la possibilità di condividere i valori delle tradizioni popolari, in un clima di festa e in un’ottica di apertura multiculturale. Gli organizzatori non mancheranno di coinvolgere grandi e piccini, danzatori esperti e neofiti, nei balli delle diverse culture. Il divertimento è garantito, ma anche la possibilità di scoprire storie e tradizioni davvero originali.

L’obiettivo principale del gruppo di Danze Popolari “Il Salterio” è difatti trasmettere attraverso la danza il carattere di festa tipico delle antiche sagre popolari ed i valori appartenenti a diverse culture, portando “in ogni piazza il mondo in movimento” con un messaggio di condivisione e solidarietà.

Il programma

Venerdì 31 maggio

Ore 20,45 – Spettacolo di danze popolari con il gruppo SILLMARION di Bratislava
Ore 21,15 – Spettacolo  “Espressioni della cultura popolare ”con la compagnia Gli Zanni di Ranica (BG). A seguire animazione con musica dal vivo

Sabato 1 giugno

Ore 20,45 – Esibizione dei partecipanti al corso 2019 e spettacolo del Salterio: “Rami di luce scorrono nell’ombra” (danze dal mondo che celebrano i momenti oscuri e di luce e rinascita nella vita degli uomini). A seguire animazione

Domenica 2 giugno

Ore 16 – Animazione per bambini con danze dal mondo a cura del Salterio
Ore 20,15 – Concerto itinerante e arrivo all’Arena con Caravan Orkestar,  band di musiche balcaniche e klezmer ebraico.
Ore 21 – Spettacolo di danze tibetane “Gioiose danze Khaita” con International Ati Yoga Foundation
Ore 21,45 – Spettacolo di danze bulgare con Centro Linguistico e Culturale “Qui Bulgaria” di Milano. A seguire animazione

Durante i giorni del festival sarà in funzione uno stand gastronomico gestito da Arci Ragazzi.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.