Tempo di lettura: 3 minuti

Lonato (Brescia) – L’associazione di operatori culturali gardesani L.A.CU.S. (Lago Ambiente Cultura Storia) e il Comitato per il Parco delle Colline Moreniche del Garda, con la collaborazione e il patrocinio del Comune di Lonato e di associazioni, consorzi, istituzioni culturali, enti locali e sovracomunali, presentano il “Festival della Sostenibilità sul Garda” che, in questa prima edizione, si svolgerà sul Garda lombardo, durante l’intero mese di aprile.

Si tratta di una serie di appuntamenti per vivere esperienze che rispecchino il significato del termine “sostenere” e per riflettere sulle sue diverse declinazioni in rapporto all’ambiente, all’economia e alla società gardesana. Vuol essere un contributo a un’ecologia che, come dice Papa Francesco nell’Enciclica del Laudato Sì, “nelle sue diverse dimensioni integri il posto specifico che l’essere umano occupa in questo mondo e le sue relazioni con la realtà che lo circonda”.

Il Festival della Sostenibilità sul Garda si impernia, in questa sua prima edizione, sulle relazioni; per comunicare attraverso la tutela e la valorizzazione, l’unicità del patrimonio storico, artistico, paesaggistico, naturalistico ed enogastronomico e per incentivare nuove economie.

Si inizia la mattina del 1 aprile a Lonato del Garda, con una visita guidata alle Fornaci Romane, a cura dell’associazione La Polada, dalle 10 alle 12.
Si prosegue il pomeriggio alle 17.30 in Sala degli specchi di Palazzo Zambelli, con l’inizio di uno dei progetti del Festival : “I Patrimoni dell’Umanità: Il Garda longobardo” con l’intervento del prof. Gian Pietro Brogiolo; segue aperitivo a cura della Strada dei vini e dei sapori del Garda.

La rete attiva e propositiva di collaborazioni che si è sviluppata nel corso degli anni e nell’organizzazione di questa prima edizione del “Festival della Sostenibilità sul Garda”, ha portato a riflettere sulle unicità presenti nel territorio gardesano e sulla necessità di esplicitarle, per rendere consapevole chi vive e chi visita questo territorio. L’inclusione di tutta la comunità gardesana è un elemento fondamentale per arrivare a proporre, nel medio periodo, una candidatura a Patrimonio dell’Umanità.

Da queste considerazioni nasce “I Patrimoni dell’Umanità” che, attraverso un ciclo di incontri realizzati dai maggiori esperti in materia, vuole sottolineare la valenza delle eccellenze gardesane, già patrimonio comune. La partecipazione è libera. Il primo appuntamento è dedicato a “Il Garda Longobardo” e il prof. Brogiolo, in modo inedito, evidenzierà le presenze sul Garda dei luoghi di potere di questo popolo, patrimonio dell’umanità.

Domenica 2 aprile si prosegue sempre a Lonato del Garda, con la tappa data di un altro progetto del Festival: “Le camminate sostenibili”, che si concretizzerà nella Passeggiata del Michelass, organizzata in collaborazione con la Proloco di Lonato del Garda. Quest’anno la partenza è alle ore 9.30 dal parcheggio del Penny in via Marziale Cerutti n. 24 alla volta della frazione di Esenta, attraverso lo scenario naturalistico delle colline lonatesi. Durante la passeggiata sarà presente l’esperto di botanico Franklin Mazzoldi, che illustrerà le essenze vegetali che si incontreranno durante il cammino; all’arrivo in frazione si svolgerà il pranzo presso un ristorante locale. Durante il tragitto di ritorno verrà percorso un sentiero collinare utilizzato in passato dagli abitanti della frazione di Malocco per raggiungere Esenta, con visita alla centrale idroelettrica.

Durante il pomeriggio del 2 aprile alle Fornaci Romane di Lonato, in collaborazione con Terna, MIBACT e Comune di Lonato del Garda, si terrà “Domenica al Museo”, visite guidate a cura dell’associazione La Polada, dalle ore 14.30 alle 17. Alle ore 15: il laboratorio didattico “Ricicliamoci: usi e riusi del mattone nell’antica Roma” (consigliato per i bambini dai 7 agli 11 anni, con contributo di partecipazione di 2 euro).

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *