Mantova – Musica che attraversa l’Europa e che viene dal cuore, come insito nel titolo del Festival musicale mantovano che accompagnerà gli spettatori durante tutta l’estate e fino al prossimo inverno.

Il significato “corde” è di derivazione latina e significa propriamente dal cuore” – specifica Gianluigi Mutti, docente di musica, chitarrista e tra gli ideatori dell’evento. “Fare musica è un bisogno interiore che si sviluppa nell’animo umano, coltivarlo è una missione importatissima. Chi fa musica sviluppa una propensione differente in ogni situazione della vita, suonare cambia la vita. A partire dalle qualità individuali: la musica ci aiuta nell’affascinante viaggio verso l’astrazione, ci fa superare i limiti della concretezza e aiuta la concettualizzazione“.

Suonare all’interno di una banda o di un corpo musicale incrementa le capacità sociali dei ragazzi: suonare insieme significa donare la propria voce o le proprie note per realizzare un’esperienza unitaria, dove ogni singola particella si sacrifica e rinasce in un’insieme fatto di armonia e bellezza“.

Il Maestro Mutti ci svela il filo rosso che anima il Festival Eurocorde in Musica 2015: “vedere i ragazzi di tutto il mondo uniti grazie alla passione per la musica e, allo stesso tempo, regalare loro un’esperienza culturale indimenticabile alla scoperta di alcuni tra i posti più suggestivi e ricchi di storia nella terra dei Gonzaga.”.

Eurocorde in Musica prosegue fino alla fine dell’anno. Sette i paesi coinvolti, europei e non; 17 appuntamenti per 17 diverse location tra piazze, teatri e chiese, sparsi tra Mantova e provincia, per assaporare buona musica eseguita da musicisti professionisti, ma soprattutto da giovani studenti, accompagnati dai loro insegnanti.

Assieme ai musicisti del Liceo Musicale “Isabella d’Este” di Mantova (che vanta un coro e un’orchestra di 65 elementi, che diventeranno 90 a partire da settembre, quando si aggiungerà una nuova prima), si esibiranno ragazzi provenienti da Stati Uniti, Inghilterra, Scozia, proponendo vari generi musicali e utilizzando gli strumenti più vari.

I musicisti Gian Luigi Mutti e Francesco Bonfà, coordinatori della manifestazione, in accordo con Maria Rosa Cremonesi e Daniele Braghini, rispettivamente preside e referente del Liceo Musicale cittadino, sottolineano l’importanza di questa esperienza prima di tutto per gli studenti. Il festival, infatti, permetterà ai ragazzi di entrare in contatto con persone che condividono la loro stessa passione per la musica, di conoscere diverse realtà, anche internazionali; e rappresenterà un impegnativo banco di prova per abituarsi ad esibirsi in pubblico.

La rassegna si avvale del patrocinio e della collaborazione del Club Andrés Segovia, del Centro Studi Postumia “Oltre le Frontiere”, del Liceo Musicale “Isabella d’Este”, dell’associazione intercomunale L’Aquila e il Leone, di Music & Travel Tour Consultans, e del Rotary di Castiglione delle Stiviere.

Ecco il programma dei prossimi concerti:

Giovedì 2 luglio – Villa Mirra – Cavriana

Robert Gordon College, Scozia

Venerdi 10 luglio – Festa della birra – Casalmoro

Guiseley School Samba Band, Inghilterra

Mercoledi 22 luglio – Piazza Castello – Mariana Mantovana

Giovedì 13 agosto agosto ore 20.00 – Agriturismo La Margherita, Gazoldo degli Ippoliti

Birmingham School’s Wind Orchestra and Recorder Sinfonia, Inghilterra

Il programma completo dei concerti fino a dicembre 2015.