Tempo di lettura: 2 minuti

Chiari, Orzinuovi e Rovato, Brescia. Il primo appuntamento dell’anno con La fondazione Filosofi lungo l’Oglio è con il festival Fare Memoria. Un programma di incontri con ospiti d’eccezione: Haim Baharier, Anna Foa e Gabriele Nissim ospiti della VI edizione dedicato alla Shoah, che quest’anno ricorda Paolo De Benedetti.

Diretto da Francesca Nodari, con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Consigliera di Parità di Brescia e con l’adesione del Prefetto di Brescia, si svolgerà tra Chiari, Orzinuovi e Rovato.IMG_6829

La VI edizione avrà come tema “Tra antisemitismo e terrorismo”: – in questa era di post-memoria e di globalizzazione si percepisce non soltanto l’urgenza di riflettere su ciò che è stato, ma insieme di dotarsi di tutti gli strumenti necessari per conoscere un passato che sta riflettendo la sua ombra di paura e di morte sul nostro presente e sul nostro futuro– si legge nell’introduzione di Francesca Nodari.

Si conferma la necessità del fare memoria per la coscienza collettiva e per le nuove generazioni. Per questo motivo l’edizione 2017 ricorda l’insigne biblista e teologo Paolo De Benedetti, recentemente scomparso.

Protagonista del dialogo ebraico-cristiano, legato alla Fondazione Filosofi lungo l’Oglio, fu ospite del festival omonimo nel 2012: «quella sera – ricorda Francesca Nodari – Paolo De Benedetti volle insistere con tutto se stesso sulla necessità del ricordare. A noi il compito di rendere fruttuoso il suo insegnamento. –Haim_Baharier

Avvalendosi del contributo di grandi studiosi la rassegna prende il via, lunedì 30 gennaio a Chiari al Salone Marchettiano, Via Ospedale Vecchio, con Haim Baharier. Tra i principali studiosi di ermeneutica biblica e di pensiero ebraico terrà un incontro su “L’identità Israel e la memoria”.

Si prosegue giovedì 2 febbraio a Orzinuovi alla Rocca San Giorgio in Piazza Garibaldi, con Anna Foa, figlia di Vittorio Foa, tra le più acute testimoni della realtà ebraica del nostro tempo, nonché prima donna ebrea a scrivere sulle pagine de L’Osservatore Romano, parlerà de “La nuova età dell’odo”.  anna-foa

Il terzo appuntamento è mercoledì 8 febbraio a Rovato alla sala del pianoforte, Palazzo Municipale, via Lamarmora 7, con Gabriele Nissim , giornalista, saggista, storico e presidente di Gariwo – l’associazione attiva a livello internazionale nella ricerca dei Giusti. Condurrà la riflessione: “Dalla memoria del bene ai Giusti del nostro tempo”.Gabriele-Nissin

Il festival chiude la VI edizione il 6 marzo, l’appuntamento è nel Giardino dei Giusti di Orzinuovi al parco Alcide De Gasperi, per la Cerimonia di proclamazione dei Giusti, figure esemplari che hanno cercato o cercano di combattere il crimine del genocidio. Come è consuetudine, i nominativi dei Giusti che saranno ricordati, verranno resi noti nei giorni immediatamente precedenti l’evento.

Ancora una volta la Fondazione sceglie di offrire la cultura gratuitamente nell’ottica dell’alta divulgazione accessibile a tutti. Tutti gli incontri sono fissati alle 21.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *