Tempo di lettura: 2 minuti

Monno, Edolo, Valle Camonica. “ Le Fiamme Verdi, così, lasciate le armi tornano alla vita civile e democratica della nuova Italia repubblicana portando con sé l’esperienza gloriosa di venti mesi di fame, freddo, morte, paura ma anche di lotta, coraggio, libertà e giustizia.”

Finisce così la narrazione degli lunghi e difficili giorni al passo del Mortirolo dove nell’inverno del 1945 i “Ribelli” delle Fiamme Verdi “Tito Speri” hanno la meglio sulle truppe fasciste e naziste che in quegli anni seminarono morte e terrore nelle vallate camune.

Anche quest’anno l’Associazione “Fiamme Verdi” di Brescia domenica 5 settembre torna sui luoghi simbolo della propria identità partigiana, salendo sui “monti ventosi” della Valcamonica per il tradizionale appuntamento “Fiamme Verdi in Mortirolo”, in memoria dei Caduti per la Libertà.

Domenica 5 settembre, a partire dalle ore 9:30, la chiesetta di San Giacomo in Mortirolo (comune di Monno) sarà la consueta cornice suggestiva della cerimonia, che ricorda le due battaglie campali combattute tra il febbraio e il maggio 1945. Dopo la Santa Messa celebrata dal cappellano delle FF.VV., mons. Tino Clementi, Fausta Gulberti terrà l’orazione ufficiale a nome dell’Associazione “Fiamme Verdi”.

L’Associazione “Fiamme Verdi” di Brescia fu fondata nel 1945, all’indomani dello scioglimento delle Divisioni e Brigate partigiane delle “Fiamme Verdi” con il preciso scopo di rivendicare la nobiltà e l’idealità della lotta di liberazione, tenendo vivo il ricordo dei Caduti per la Libertà. Per riaffermare quei valori di libertà, giustizia e democrazia che hanno ispirato le Fiamme Verdi durante la Resistenza e rafforzare lo spirito di fraterna e sincera unione nel nome dei comuni ideali di libertà.

Nel pieno rispetto della vigente normativa per il contenimento della pandemia da COVID-19, la cerimonia si svolgerà adottando tutte le cautele prescritte; i partecipanti sono quindi pregati di dotarsi di mascherina e di gel disinfettante per le mani e di osservare scrupolosamente le indicazioni sul distanziamento che saranno fornite in loco.