Tempo di lettura: 3 minuti

Valle Camonica, Brescia. Per il settimo anno consecutivo il mese di giugno in Valle Camonica sarà interamente dedicato alla riflessione sul tema di Alpi e sostenibilità attraverso gli assi portanti di ambiente, società, economia. Torna la Fiera della Sostenibilità nella Natura Alpina, da sabato 2 giugno a  domenica 1 luglio,  il contenitore di eventi e iniziative del Parco dell’Adamello – Comunità Montana di Valle Camonica con le aree protette di Rete Natura di Valle Camonica e la collaborazione del Distretto Culturale di Valle Camonica e Sapori di Valle Camonica.

In quanti modi possiamo attraversare un paesaggio? Con lo sguardo, perdendoci
nelle forme e nei colori. Con i nostri corpi, camminando lentamente, in sella a una
bicicletta, immergendoci nelle acque di un lago. Ma possiamo attraversarlo anche
tendendo l’orecchio: carpiremo i suoni della natura, ma anche quelli dell’uomo e
della sua vita in questo territorio.
Itinerari, escursioni, concerti, manifestazioni storiche, visite guidate; poi convegni, mostre, enogastronomia e molto altro in un programma fitto di iniziative con la vocazione di far scoprire a 360 gradi la Valle Camonica.

«La montagna è un rifugio» è il titolo di questa edizione 2018: molto spesso, infatti, le montagne vengono riconosciute come rifugio dove trovare momenti di vita alternativa alla città, un luogo dove vivere, magari per pochi giorni, in modo separato e discontinuo rispetto alla quotidianità. Lo stesso rifugio, inteso come edificio alpino, nell’immaginario urbano spesso rappresenta un’isola incontaminata fuori dalla contemporaneità, un luogo dove vivere momenti sereni e lontani dalla vita di tutti i giorni.

In realtà la montagna, le Alpi, sono un grande laboratorio, spesso un luogo in fermento, ricco di complesse interazioni e spesso in conflitto con le contraddizioni del vissuto urbano e dei suoi riflessi sulle comunità locali, rimanendo comunque un rifugio: un luogo “diverso” che non è una mera presa di distanza elettiva dal mondo, ma un esempio e una dimostrazione che si può vivere, studiare, lavorare e pensare in uno stile alpino, per molti aspetti forse migliore di tanti altri stili di vita.

Proprio a partire dal tema di “montagna come rifugio”, nell’Anno internazionale del cibo italiano nel mondo, Parco Adamello e Sapori di Valle Camonica hanno deciso di dare vita all’iniziativa “Assaporando i rifugi”.

Si è trattato di proporre il tema del cibo ai rifugi della Valle Camonica con l’ “adozione” di almeno una malga e una cantina camune, dando la possibilità agli escursionisti che verranno a visitare le montagne di assaggiare i prodotti del territorio, imparando a conoscerlo meglio anche attraverso i suoi sapori.

Hanno aderito 19 rifugi e gli abbinamenti con le malghe e le cantine sono stati raccolti in una brochure che resterà in distribuzione da maggio a settembre. Inoltre sia in questa brochure che nell’opuscolo con il programma della Fiera sarà possibile trovare un inserto da staccare e portare sempre con sé: qui sarà possibile apporre i timbri dei rifugi visitati e, a fine estate, con un minimo di 10 timbri sarà possibile consegnare questa sorta di “card” al Parco dell’Adamello per ricevere un omaggio.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *