Salgono gli importi dei Finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione gestiti da SIMEST, rendendo così le misure più appetibili anche per le MidCap e le grandi imprese.

Il tetto massimo raddoppia da 400 a 800 mila euro per la misura patrimonializzazione dedicata a garantire liquidità alle imprese esportatrici. Per le altre misure i massimali salgono secondo le seguenti intensità: fino a 4 milioni di euro per l’inserimento sui mercati esteri, 200 mila euro per studi collegati a investimenti commerciali, 350 mila euro per studi collegati a investimenti produttivi, 450 mila euro per la realizzazione di un e commerce, 300 mila euro per l’adesione ad un marketplace, 150 mila euro per la partecipazione a fiere e missioni internazionali.

Ricordiamo che dal mese di giugno per tutte le misure in abbinamento al finanziamento è possibile richiedere fino al 40% di contributo a fondo perduto nel limite di 100 mila euro (20% per l’inserimento sui mercati esteri). Entro il mese di agosto entreranno in vigore altre importanti novità: l’estensione dell’operatività ai Paesi europei e l’ampliamento delle spese e della tipologia di imprese finanziabili.