Tempo di lettura: 4 minuti

Reggio Emilia – La grande musica accende l’estate di Festareggio. Fino all’11 settembre passeranno da Reggio Emilia alcuni tra i più importanti artisti italiani e internazionali. Rock, elettronica, reggae, musica d’autore, pop e persino folk: il programma musicale di quest’anno si fa notare da lontano, proprio perché non è facile trovare una tale qualità e quantità di proposte in un unico cartellone. Per dirla in un altro modo, al Campovolo nelle 22 serate di Festa la programmazione musicale toccherà tutti e cinque i continenti.

Daniele Silvestri e Vinicio Capossela, Francesco Gabbani, Salmo, I Cani e altri ancora, terranno alta la bandiera della musica tricolore ma nel cast degli spettacoli spiccano molti tour internazionali come quello degli australiani Wolfmother (unica data italiana di questa estate) il 24 agosto.

Hard rock frenetico e selvaggio, con un sound impetuoso e travolgente, nel migliore stile Seventies riattualizzato: non a caso sono considerati tra i migliori eredi dei leggendari Led Zeppelin.

E a proposito di leggende al Campovolo ne arriva una tra le più grandi il 31 agosto: Eric Burdon e i suoi The Animals, per la seconda volta in terra reggiana dopo il sold out al Palazzetto dello sport del 1980. Un’occasione da non perdere, soprattutto perché quella di Burdon a Festareggio è l’unica data per ascoltare l’artista, “tra le 100 più grandi voci di sempre” secondo Rolling Stone.

Rock mainstream, ma non solo: il 24 agosto sul palco ci sarà il gradito degli alfieri dell’indie rock psichedelico inglese Kula Shaker, un evento cult per i fan del gruppo – che ritorna su scena con il nuovo disco “K 2.0” a oltre vent’anni dall’ultimo lavoro in studio.

Il 25 agosto tornano al Campovolo anche i terribili fratelli belgi David e Stephen Dewaele, ossia i Soulwax: dopo il successo dell’anno scorso in formazione ridotta sotto l’acronimo di 2many djs, in versione band sono pronti a far tremare l’Arena spettacoli a colpi di disco, rock, pop, electro, punk, techno fusi in un tutt’uno.

Anche sul versante della musica italiana, la programmazione 2016 di Festareggio segna alcuni colpi notevoli, tra cui l’unica tappa del tour estivo di Vinicio Capossela in Emilia Romagna: il cantautore sarà al Campovolo il 3 settembre con l’ultimo disco “Canzoni della Cupa”, tra i dischi più venduti degli ultimi mesi.

Non è da meno il concerto del 9 settembre, con Daniele Silvestri, forte dei successi mietuti nel tour estivo, per una serata all’insegna della migliore musica leggera italiana.

Avrà invece tonalità decisamente più forti il live del rapper Salmo, il 7 settembre, che ritorna al Campovolo dopo il bagno di folla dello scorso anno, quando ha aperto il concerto dei Prodigy nella lunga notte dell’elettronica al Campovolo.

Tra gli italiani, spazio anche all’indie con I Cani (2 settembre) una delle band più importanti nel panorama indipendente italiano, in programma il 2 settembre, e a Motta, tra i migliori artisti emergenti di questo 2016. Da non dimenticare anche il dj set dei Planet Funk (20 agosto) e il live di Francesco Gabbani (8 settembre), fresco del recente Disco d’oro per le oltre 25.000 copie vendute del singolo “Amen’”.

In apertura di Festa, il 18 agosto,  “50 anni di Bella ciao”, concerto a più voci tra cui Ginevra di Marco: un appuntamento unico con il più grande spettacolo del folk revival italiano, riallestito cinquanta anni dopo con un cast formidabile, sotto la direzione artistica di Riccardo Tesi.

Squadra che vince non si cambia: dopo il successo dell’anno scorso, viene riconfermato il Campovolo reggae fest, dal 26 al 28 agosto, con un’anticipazione il 21 agosto con la performance di Dub fx. Anche per questa edizione il festival nella festa, dedicato ai ritmi in levare, porterà a Reggio Emilia big della scena internazionale, tra cui l’Eminem del reggae, il sicliano naturalizzato giamaicano Alborosie (26 agosto), Max Romeo e Michael Rose (27 agosto). Non mancheranno gli emergenti, tra cui Meta, considerato il Marley degli anni 2000, e il meglio del reggae italiano con Africa Unite e Mellow Mood (28 agosto).

Dal reggae a sonorità decisamente più punk, il 19 agosto, con i mitici Discharge, una leggenda del punk hardocore; il 6 settembre, invece, a farla da padrone sul palco del Campovolo saranno la grazia e la classe di Rokia Traorè, una delle voci più importanti della nuova musica africana.

Per finire, spazio anche a sonorità più progressive l’8 settembre con il “Gong rock in progress festival”, che porterà al Campovolo un pezzo di storia della musica come Le Orme, oltre ad Alex Carpani Band e ai reggiani Master Experience.

I biglietti per i live a pagamento sono disponibili su Ticketone, Booking Show, Ciao Tickets, Ticketland e Vivaticket.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *