In arrivo il nuovo bando per l’innovazione delle filiere di Economia Circolare in Lombardia. Le risorse ammontano a 3,6 milioni di euro e andranno a finanziare l’innovazione di prodotto e processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse, l’utilizzo di sottoprodotti nei cicli produttivi, la riduzione di produzione rifiuti e il riutilizzo di beni e materiali, la sperimentazione di strumenti per l’incremento della durata di vita dei prodotti e il miglioramento del loro utilizzo e riciclabilità, nonché la riconversione della produzione finalizzata alla realizzazione di nuovi materiali, prototipi, sviluppo di dispositivi e/o componenti anche in ambito medicale o per la sicurezza sul lavoro.

L’invito è rivolto alle piccole e medie imprese in forma singola o in aggregazione con almeno 3 imprese rappresentanti della filiera.

La Regione riconoscerà alle imprese selezionate un contributo a fondo perduto a copertura del 40% delle spese ammesse per un importo massimo di 120 mila euro.

Rientrano fra le spese ammesse al bando:

  • le consulenze, gli investimenti in attrezzature tecnologiche (acquisto e/o leasing) e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto;
  • l’assistenza e costi di acquisizione delle certificazioni ambientali di processo e di prodotto (es. ISO 14001, EMAS, ECOLABEL, EPD, LCA ecc.);
  • l’assistenza e costi di acquisizione delle certificazioni tecniche e di eventuale registrazione REACH;
  • servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware; materiali e forniture (inclusi prototipi);
  • spese per la tutela della proprietà industriale; nonché le spese del personale.

Il testo del bando verrà pubblicato entro il mese di aprile, l’attuazione è affidata a Unioncamere Lombardia.