Tempo di lettura: 2 minuti

Fiorenzuola d’Arda, Piacenza. Sabato 24 e domenica 25 ottobre alla Casa della Memoria Casella, Simona Guerra terrà un seminario di fotografia consapevole, un percorso di coscienza delle potenzialità fotografiche. L’evento si svolge nell’ambito dell’iniziativa PHOTO ’15 a cura del Circolo cinefotografico di Fiorenzuola e in collaborazione con l’associazione le Terre Traverse e Slow food Piacenza.

Tanti conoscono la tecnica alla perfezione, il comportamento della luce, le carte migliori su cui stampare e i principali programmi di rielaborazione oggi sul mercato. Ma chi davvero conosce il fotografo? Ovvero quanti usano la fotografia consapevoli dell’uso che ne fanno; coscienti del loro modo di percepire e filtrare il mondo e di come essi lo restituiscono tramite una fotografia?fotografia

Un seminario sulle motivazioni del fotografare, e meno sulle fotografie. Chi fotografa già conosce il concetto di “bella immagine”. Tanti conoscono la tecnica alla perfezione, il comportamento della luce, ma la fotografia può essere tutto questo e molto altro.

– In questo seminario ci occuperemo di come di realizzare il proprio ritratto fotografico, per come ognuno di noi percepisce sé stesso – dice Simona Guerra presentando il seminario-  e il mondo che lo circonda. Sarà possibile partecipare senza che vi siano richieste specifiche conoscenze di tecnica fotografica –

Simona Guerra si occupa di fotografia. Da anni sostiene e sperimenta su di sé la valenza della fotografia e della scrittura ad uso terapeutico e per la propria affermazione personale. La filosofia che espone durante i suoi seminari si basa su un rapporto emozionale e intimo con l’immagine, capace di rappresentare la più preziosa delle attività autoanalitiche. E’ autrice di alcuni saggi, interviste e biografie (tra cui quelle di Mario Giacomelli; Mario Dondero; Cesare Colombo) ed anche di un romanzo che pone in relazione la fotografia con il disturbo da attacco di panico (Bianco e oscuro. Storia di Panico e fotografia. Ed Postcart. 2012).

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *