Tempo di lettura: 2 minuti

Abbiamo sviluppato teorie e telescopi per vedere stelle lontanissime, ma non abbiamo un metodo affidabile per vedere dove brilla la luce della coscienza nel mondo intorno a noi.

Questo problema diventa particolarmente evidente alla luce dei progressi della terapia intensiva e dell’intelligenza artificiale. Il problema di fondo è che ancora oggi identifichiamo la coscienza con la capacità di un soggetto reagire agli stimoli, di agire e di comunicare – sulla base di un paradigma strettamente funzionalistico.

La medicina moderna riesce a salvare pazienti che hanno subito traumi cerebrali gravissimi. Quando un paziente emerge dal coma e comunica, non c’è dubbio: il soggetto è cosciente.

A volte invece il paziente rimane inerte e non risponde agli stimoli per settimane o mesi; in questi casi si entra in una zona grigia in cui la coscienza di un altro individuo ci può sfuggire.

Contemporaneamente, i progressi della robotica e dell’intelligenza artificiale stanno portando allo sviluppo di macchine sempre più simili agli umani.

Oggi i software di smartphones e computers rispondono alle nostre domande, ci aiutano a trovare il ristorante giusto e ci battono a scacchi. Domani circuiti più potenti potrebbero addirittura comportarsi e dialogare esattamente come un umano.

Già oggi facciamo fatica a spiegare ai nostri figli piccoli che uno smartphone che risponde a tutte le loro domande è sicuramente meno cosciente della loro cuginetta di sei mesi che non parla.

Domani le cose saranno ancora più complicate: ci potremmo trovare nella situazione paradossale di non riconoscere la coscienza in un paziente solo perché è immobile e di attribuirla a una macchina solo perché ci parla e risolve problemi.

Dobbiamo imparare a distinguere l’essere dal fare, sviluppare misure della coscienza che siano indipendenti dalla funzione. Questo è un compito culturale fondamentale che richiede strumenti scientifici adeguati.

Sono innumerevoli i temi che Marcello Massimini affronterà nell’incontro di mercoledì che rientra nel ciclo I nuovi scenari: intelligenza artificiale e coscienza voluto dall’Accademia cattolica per l’anno 2017-2018 per fare riflettere sull’umano e sul post-umano.

La copertinaMarcello Massimini, medico e neurofisiologo, è docente presso l’Università degli Studi di Milano e invited professor presso il Coma Science Group dell’Università di Liegi.

In Italia sta sviluppando nuovi strumenti per lo studio del sonno, della coscienza e delle sue alterazioni.

Per Baldini & Castoldi è uscito Nulla di più grande. Dalla veglia al sonno, dal coma al sogno, scritto con Giulio Tononi (2013). Numerose le sue pubblicazioni su riviste internazionali attinenti alla coscienza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *