Tempo di lettura: 2 minuti

Casalmaggiore, Cremona. Una giornata di festa sotto i colori dell’arcobaleno alla società ASD Interflumina, sabato 18 maggio per la giornata dedicata al progetto Fratelli di Sport, aperto a tutti dalle 16,30 al campo di atletica Baslenga. Il Progetto realizzato nell’anno sportivo 2018-2019 ha teso a favorire l’integrazione dei bambini e degli adolescenti e delle loro famiglie migranti attraverso lo sport, l’inclusione sociale nello sport e la tolleranza tra culture diverse.

“ Siamo stati tutti invitati ad applicare i principi del “Manifesto di Sport e Integrazione” impegnandoci a dare il personale attivo e fattivo contributo a favore dell’inclusione e  dell’integrazione dei giovani provenienti da un contesto migratorio e contro ogni forma di discriminazione.” Racconta Carlo Stassano, presidente Interflumina.

“Fratelli di sport”, programma nazionale di sostegno all’attività sportiva come strumento di inclusione, vuole favorire l’accesso allo sport per bambini e ragazzi dai 5 ai 17 anni, anche con background migratorio, provenienti da famiglie economicamente svantaggiate, abbattendo quindi le barriere di tipo economico e culturale.

Il programma perseguiva i seguenti obiettivi:

  • incoraggiare i bambini e i ragazzi a svolgere attività sportiva
  • promuovere la diffusione della pratica sportiva favorendo la partecipazione delle bambine e delle ragazze
  • promuovere i valori educativi dello sport quali la fratellanza sportiva, lo spirito di gruppo, l’inclusione sociale e la valorizzazione delle differenze
  • supportare le famiglie che, a causa di difficili condizioni economiche non potrebbero sostenere i corsi dell’attività sportiva.

Il programma della giornata di festa:

  • Ore 16,30 – Ritrovo Atleti, Famiglie, Associazioni ed Autorità
  • Ore 17,00 – Corse a Staffetta
  • Ore 17,45 – Sfllata con il Gruppo “Il Torrione” verso la Cascina S. Maria
  • Ore 18,45 – Corsa di Orientamento (Orienteering) nella Golena del Po
  • Giochi sull’aia delle tradizioni popolari
  • musica e convivialità
  • con i prodotti tipici delle diverse etnie preparati dalla Famiglie dei “Fratelli di Sport” e non solo
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.