Tempo di lettura: 2 minuti

Piacenza – Il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta la quinta edizione di Frutti Antichi di Primavera”, rassegna di piante, fiori e frutti dimenticati, prodotti di alto artigianato e dell’agricoltura al Castello di Paderna, Pontenure in provincia di Piacenza. L’imperdibile evento si svolgerà sabato 11 e domenica 12 maggio, dalle ore 9.30 alle 19.00.

Un viaggio alla scoperta dei frutti della terra, tra piante e colture dalle straordinarie varietà, indispensabili per la salute e gli equilibri dell’ecosistema. Tra i giardini e i suggestivi spazi del Castello di Paderna, i visitatori potranno conoscere rare specie floreali e arboree, antichi semi, piante spontanee e aromatiche, produzioni alimentari poco diffuse o recuperate dagli agricoltori, culture e tradizioni agrarie, all’insegna della tutela della biodiversità.

La manifestazione è tra le più amate e riconosciute rassegne di florovivaismo in Italia. A partecipare sono circa 150 espositori selezionati, che per due giorni inebrieranno di profumi, di bellezza e di primizie della natura le aree verdi del castello, che sarà protagonista di un ricco programma di eventi. Nel prato di fronte al maniero ci sarà la zona mercato dove acquistare i prodotti dell’orto, frutta e verdura a km zero, produzioni alimentari tipiche del territorio. Gli agricoltori saranno a disposizione per trasmettere la propria esperienza e condividere i segreti delle coltivazioni. Molto spazio sarà riservato, inoltre, come da tradizione, all’arredo da giardino, all’antiquariato e all’artigianato, espresso sia nelle forme della tradizione rurale sia in creazioni artistiche di particolare raffinatezza.

Non mancheranno laboratori, conferenze e presentazioni di libri, motivi di confronto fra operatori del settore, studiosi e rappresentanti delle istituzioni provenienti da tutta Italia, all’insegna della valorizzazione dell’ambiente, della ricerca e la salvaguardia delle essenze antiche e dimenticate, l’educazione ambientale ed il rinnovamento del patrimonio vegetale, con particolare attenzione alle peculiarità territoriali locali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *