Tempo di lettura: 3 minuti

Pontenure, Piacenza. La splendida cornice del castello di Paderna sabato 7 e domenica 8 maggio ospita l’edizione primaverile della storica manifestazione dedicata a piante, fiori, frutti dimenticati e prodotti d’alto artigianati: “Frutti antichi”. Una rassegna di piante, fiori e frutti dimenticati e prodotti di alto artigianato, organizzata in collaborazione con il FAI.castello

La manifestazione, che ha come filo conduttore la salvaguardia della biodiversità e il rinnovamento del
patrimonio vegetale con particolare attenzione alle tipicità del territorio. Tra vividi colori e intensi profumi, il parco del castello si trasformerà in un’immensa aiuola nella quale le fioriture tardive di azalee e rododendri saranno accanto alle prime rose e ortensie, alle piante aromatiche e ornamentali, ai prodotti dell’orto e a tante altre meraviglie botaniche che caratterizzano la bella stagione.frutti antichi

Grazie alla presenza di 130 espositori accuratamente selezionati provenienti da tutta Italia, avrai la possibilità di ammirare e acquistare una grande varietà di fiori e di piantine da orto, ma anche di ricevere utili consigli e idee per i tuoi angoli verdi. Inoltre, i produttori agricoli presenteranno le loro migliori primizie di stagione.

Come sempre non mancheranno arredi da giardino, oggetti d’antiquariato e modernariato e, novità di questa edizione, ci sarà una speciale sezione dedicata ai tessuti: ospite speciale sarà la Scuola Asolana di Antico Ricamo, eccellenza dell’artigianato veneto e italiano.frutti-antichi-piacenza-129

Nei due giorni di manifestazione è previsto un ricco calendario di incontri e conferenze, mentre i più piccoli avranno la possibilità di partecipare a laboratori e giochi. Da segnalare la la mostra in omaggio alla scrittrice, illustratrice e naturalista Beatrix Potter. nel 150° della nascita della grande scrittrice, illustratrice e naturalista inglese, che vedrà esposta una collezione di 350 piccoli dipinti a olio e china inglesi, eseguiti su seta e arricchiti da preziosi ricami, di epoca vittoriana.potter

Il programma: 

Sabato 7 maggio

ore 10.30: inaugurazione
ore 11: presentazione del progetto didattico “Compostiamo” con alcune insegnanti che illustreranno la loro esperienza di educazione dei bambini verso il mondo dei microrganismi e del compostaggio.
Ore 12: “Quinoa (Chenopodium quinoa Willd) una coltura tradizionale andina, alternativa per l’Italia”, conversazione a cura di Dora Inés Melo, dottoranda della Scuola per lo studio del Sistema Agroalimentare (Agrisystem) – Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza.
ore 15: “Il Bramaterra, un antico vitigno salvato dall’estinzione”, conversazione a cura di Paolo Montà, azienda agricola La Palazzina di Roasio (VC).
ore 16: presentazione del libro “Scacco Al Re – Un’agricoltura sostenibile per un cibo sostenibile” sui principi di fisiologia umana e agronomia correlati all’orticoltura e frutticoltura sostenibili, a cura dell’autore Ettore Contardi.

Domenica 8 maggio

ore 11: “Ottenere di più dalla terra in modo BIO”, conversazione a cura di Massimo Mercantini, giornalista e divulgatore, sull’opera di Madre Natura e sui modi per assecondarla, risparmiare evitando i prodotti chimici e ottenere prodotti agricoli migliori e più gustosi.
ore 12: “Il riso: piccoli chicchi, grandi virtù”, conversazione a cura di Natalia Bobba di Donne & Riso Associazione Agricola Femminile.
ore 14: presentazione del libro “A tavola con gli insetti”, a cura degli autori Giovanni Sogari e Paul Vantomme, che trattano il tema degli insetti come una possibile nuova fonte di cibo per umani e animali. Con gli autori ci sarà Ettore Capri, Direttore del Centro di ricerca per lo sviluppo sostenibile dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza.
ore 16: “Dal giardino al paesaggio”, conversazione a cura di Giuliana Gatti e Simone Zenoni nel corso della quale verrà presentato il libro “Dal pensiero al progetto del verde: saperi, abilità e competenze”, che raccoglie le riflessioni di alcuni importanti paesaggisti, dal giardino storico al giardino contemporaneo fino alla materia vegetale impiegata nel progetto del verde. Interverranno Paola Violani e Aulo Chiesa.

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

1 commento

  1. Ottima manifestione, è bello sensibilizzare le persone a culture antiche o dimenticate……. Bravi, ottimo lavoro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *