Tempo di lettura: 3 minuti

Brescia – Terza edizione di Fuorinorma, quattro giornate dedicate alla percezione attraverso i sensi, alla relazione fra corpo e ambiente esterno e alla disabilità.

Un festival ricco di appuntamenti, con incontri, workshop, spettacoli, concerti e circo contemporaneo, per raccontare il corpo con esperienze diverse, nelle sue potenzialità e nei suoi limiti, grazie al teatro, alla danza, alla musica e alle arti figurative.

Per la realizzazione di questo ampio programma ci si è affidati quindi a Michela Lucenti e Balletto Civile, a Léa Legrand del Kolektiv Lapso Cirk e a Somebody Teatro. Per l’occasione si è voluto inserire anche Davide Enia, aggiungendo un ulteriore tassello di riflessione sul mondo contemporaneo, con il suo spettacolo dedicato alle tragedie dei migranti.

Come già nelle precedenti edizioni, Fuorinorma resta fedele al suo principio che è quello di muoversi nei campi delle diverse abilità, indagando sul possibile contatto fra corpo e ambiente esterno e sulla modificazione di questo rapporto quando qualche elemento fisico o cognitivo viene a cambiare o si modifica.

Che cosa avviene, dunque, quando i nostri canali percettivi, attraverso cui entriamo in relazione con lo spazio e con gli altri, non funzionano più? Quando i nostri cinque sensi subiscono modificazioni o menomazioni?

Questi sono gli interrogativi cui si cercherà di rispondere attraverso il teatro, la danza, la musica, le arti figurative, ambiti in cui il tatto, la vista e l’udito assumono una valenza fondamentale.

A tal proposito si ascolterà musica di altissima qualità senza vedere chi sta suonando o come lo stia facendo e attraverseremo la città osservandola, ma privandoci dell’udito.

Si comincia l’8 Novembre alle 20.30 al Teatro Sociale con lo spettacolo Café des Anges, in cui Angeli poco eterei, molto ridicoli, dispettosi, a tratti cattivi si mescolano con i personaggi, osservando i loro passaggi e gli arrivi.
Venerdì 9 Novembre

ore 9.30 FOYER DEL TEATRO SOCIALE – Saluti Istituzionali CAFFÈ FUORINORMA
ore 10.30 PIAZZA BRUNO BONI – Laboratorio Silenzio, SI’LɛNTSJOse Tracce dialogo tra operatori del sociale e artisti del collettivo EXTRAORDINARIO
ore 14.00 MARTINENGO DELLE PALLE – WORKSHOP Michela Lucenti/Balletto Civile, CONCERTO FISICO L’esperienza del BARDO
ore 17.30 PER LE VIE DELLA CITTÀ – Laboratorio Silenzio, SI’LɛNTSJOse Tracce Durata: 2 h Età: Dai 14 anni
ore 21.00 TEATRO SOCIALE -BLACKOUT, VIAGGIO AL BUIO NELL’ITALIA MUSICALE DEGLI ANNI ‘90

Sabato 10 novembre

ore 11.00/13.00 e 14.00/18.00 STUDIO 76 – prosegue WORKSHOP Michela Lucenti/Balletto Civile, CONCERTO FISICO
ore 11.00 PER LE VIE DELLA CITTÀ – Laboratorio Silenzio, SI’LɛNTSJOse Tracce
ore 10.30 MO.CA Sala delle Danze – Anna Detheridge, L’ARTE SECONDO NATURA, il corpo, il corpo trasformato, la creatività e i sensi che ci aiutano a percepire il mondo
ore 14.30 PER LE VIE DELLA CITTÀ – Laboratorio Silenzio, SI’LɛNTSJOse Tracce
ore 16.30 MARTINENGO DELLE PALLE – Léa Legrand, Kolektiv Lapso Cirk, LA CHUTE (LA CADUTA) circo contemporaneo
ore 20.30 TEATRO SOCIALE – Accademia Perduta – Romagna Teatri, SCENE DALLA FRONTIERA, tratto da “Appunti per un naufragio” (Sellerio Editore), di e con Davide Enia, musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri

Domenica 11 novembre

ore 10.00-12.00 STUDIO 76, dalle 15.00 TEATRO SOCIALE – WORKSHOP Michela Lucenti/Balletto Civile, CONCERTO FISICO
ore 16.30 MARTINENGO DELLE PALLE – Léa Legrand, Kolektiv Lapso Cirk, LA CHUTE (LA CADUTA), circo contemporaneo
ore 20.30 TEATRO SOCIALE – Michela Lucenti/Balletto Civile, Gianluca Pezzino e i partecipanti al workshop, CONCERTO FISICO, performance corpo/voce

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *